Star Trek: The Next Generation: Imzadi - Peter David (recensione)

Star Trek TNG: Imzadi
"Space: the final frontier. These are the voyages of the starship Enterprise. Its continuing mission: to explore strange new worlds, to seek out new life and new civilizations, to boldly go where no one has gone before!" (intro a tutti gli episodi di Star Trek: TNG)

In Star Trek - The Next Generation: Imzadi viene raccontata la nascita del profondissimo legame di amore e passione che da decenni unisce il comandante William Riker e il Consigliere Deanna Troi, rendendoli Imzadi.

Il romanzo si apre nel 2408, con un William Riker è ormai un attempato Ammiraglio di Flotta, ufficiale comandante di Deep Space 86, mai ripresosi dalla morte di Deanna Troi una quarantina di anni prima, all'improvviso e inspiegabilmente, durante una conferenza di pace.
E con la morte ancora albergante nel cuore che andrà, accompagnato dalla U.S.S. Hood del capitano W. Crusher, su Betazed in seguito alla morte di Lwaxana Troi, madre di Deanna, che mai lo aveva perdonato per non essere riuscito a salvare la figlia.
Durante il viaggio di ritorno verso DS86, questa volta sull'Enterprise-F del Commodoro Data, che alcuni dubbi sorti durante il suo soggiorno su Betazed inizieranno a farsi sentire sempre di più, portandolo a infrangere tutte le leggi dello spazio-tempo - complice anche il Guardiano dell'Eternità - affinché la sua Imzadi non muoia.

I personaggi da tener presenti sono davvero pochi:
  • William Thomas Riker: l'antico Numero Uno di Picard è ormai un anziano, stanco Ammiraglio di Flotta, relegato a comandare una base spaziale (DS86) di scarso valore strategico, situata in una regione di spazio priva di interesse;
  • Data: ora ufficiale comandante dell'Enterprise-F, precedentemente ops & science officer agli ordini di Picard, farà di tutto per impedire a Riker di portare a termine il suo piano disperatissimo, credendo di salvaguardare la "giusta" linea temporale;
  • Deanna Troi: mezza betazoide, mezza umana, Imzadi di Riker, morta (o forse no?) nel 2368 durante una conferenza di pace.
Di per sé, tutti gli altri personaggi citati - dal capitano Picard, ai Sindariani - servono di contorno, non si può dire che si impongano particolarmente all'interno del racconto, incentrato chiaramente sulle figure di Riker e Troi e sulla loro così particolare relazione.

Ora, le figure di Riker, Data e Troi non si discostano poi così tanto (beh, più o meno) dai personaggi che noi abbiamo imparato a conoscere e amare durante l'arco narrativo di Star Trek: The Next Generation: un Riker pronto a infrangere qualsiasi regola (o quasi) per Deanna, la quale ci viene mostrata anche durante i suoi studi su Betazed, facendoci comprendere un po' di più il suo modo di vedere gli altri e il mondo; e Data, il caro vecchio Data, sempre stato in cerca di una maggiore umanità, sempre pronto ad agire nel modo che ritiene giusto, anche se questo significa andare contro i suoi antichi amici. Da questo punto di vista, l'autore ha fatto un buon lavoro.

Peter David ambienta il proprio racconto principalmente tra il pianeta di Betazed, DS86, l'Enterprise-D e il Pianeta del Sempre, per quanto siano presenti anche altri riferimenti qua e là, che personalmente non mi sento di indicare perché relativamente importanti: siamo quindi all'interno dei territori della Federazione, quegli stessi territori all'interno dei quali (non) siamo stati abituati a muoverci con le serie TV. E anche in questo caso sembra essersela cavata non male.

Sebbene l'idea in generale sia carina, di per sé è stato interessante venire a sapere in che modo Riker e Troi si siano incontrati, la fine del libro è fin troppo scontata, molto di più rispetto ad altre situazioni, personalmente mi sarei stupita per davvero se fosse finito diversamente - e non sto parlando dei Sindariani, il cui ruolo di antagonismo è solo un mezzo giustificante un fine.

Comunque sia, per chi apprezzasse la coppia Will-Deanna, questo è sicuramente il libro adatto per voi!!

Commenti

  1. Molto interessante, grazie per avermelo fatto scoprire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Se desideri, sul blog è possibile trovare altre recensioni e anche un "articoletto" in cui ho segnato l'ordine di lettura dei romanzi che sono riuscita a trovare e che ho letto o sto leggendo o leggerò (https://aratakblog.blogspot.com/2019/01/guida-non-ufficiale-ai-romanzi-di-star.html) e dove troverai linkate le altre recensioni (lo aggiornerò ogni volta che ne pubblicherò una con link corrispondente). Buona lettura!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista: Michela Giudici

Tempo di Libri 2018

Nuova Uscita: Il Grande Dio Pan, di Arthur Machen