Recensione: Tunnels of Blood di Darren Shan


Salve a tutti! Oggi vi parlo del terzo volume nella serie "Cirque du Freak".
Sul blog potete trovare la recensione del primo volume "A living nightmare" e del secondo "The Vampire's Assistant".


Tunnels of Blood
Darren e Mr. Crepsley hanno fatto del Cirque du Freak la loro casa, per il momento. Tutto scorre normalmente: Darren ed Evra danno mangiare la Piccolo Popolo, ci sono vari spettacoli, Mr. Crepsley addestra Darren alla vie dei Vampiri... Ma quando un Generale dei Vampiri viene a parlare con Mr. Crepsley, lui e Darren sono costretti a lasciare il circo e viaggiare. Darren non sa di cosa si tratta, ma è determinato a scoprirlo.

Questo terzo libro è, a mio parere, un po' al di sopra degli altri (che comunque erano ottimi).
La storia qui si fa molto più complicata, perché scopriamo molte cose riguardo al mondo dei Vampiri che prima non potevamo immaginare. Non voglio fare spoiler, però posso dire che adoro il fatto che l'autore abbia inventato tutta una sua mitologia sui vampire, una storia completa e che abbia dato loro particolari molto diversi da quelli a cui sono abituata con le solite storie.
Per me questo è un grosso punto a favore che, oltre ai personaggi, mi sta facendo amare questa serie di libri alla follia.
Altra cosa riguardo alla storia in questo terzo volume è che le cose si fanno molto più serie: ci sono riferimenti a violenze e torture che anche se velate o accennate danno un'aria più seria a quella che è una serie per bambini/ragazzi.
Credo che se i libri fossero stati targati per adolescenti o adulti ci sarebbe stato molto più spazio per particolari e introspezione dei personaggi riguardo a tutto ciò, ma ci vuole anche una gran maestria ad inserirli in serie per bambini, e Darren O'Shaughnessy (Darren Shan) è parecchio bravo.

Parlando dei personaggi, io sto davvero adorando il giovane Darren. È un ragazzo curioso, che continua a mettersi nei guai, ma anche coraggioso e davvero attaccato ai propri amici, tanto da fare ciò che ha fatto nel primo libro e per sacrificarsi di nuovo per un altro amico. Non vedo l'ora di vederlo crescere, maturare, e vedeere se ci sarà un cambiamento in questo giovane mezzo-vampiro.
Quasi tutti i fan poi hanno una mezza cotta per Mr. Crepsley, e devo ammettere che anche io ci sono cascata. Molte volte vediamo la durezza data dal suo essere vampiro, ma lo vediamo anche piangere e prendersi cura di Darren come può e cercare di nascondere informazioni pericolose al ragazzino. Altro che Edward Cullen, datemi Larten Crepsley.
Evra, poverino, è un po' preda degli eventi in questo libro, ma mi piace il fatto che vediamo davvero quanto sia profondo il legame d'amicizia che lo lega a Darren. È una delle cose che più preferisco nei libri.
Ci sono due altri personaggi molto importanti in questo libro: Gavner e Murlough.
Del secondo non posso dire nulla perché sarebbe uno spoiler enorme, tranne il fatto che l'ho odiato profondamente. E se leggerete il libro capirete perché.
Per quanto riguarda Gavner, lui è il Generale che va a parlare con Mr. Crepsley. Ed è la luce dei miei occhi e il mio unico amore. Toccatelo e morirete. No, davvero, anche se c'è stato per poche pagine in questo volume è un personaggio che io adoro e che so che rivedremo ancora.

Lo stile di scrittura è molto semplice, essendo una serie per ragazzi. Anche chi ha difficoltà con l'inglese (visto che le traduzioni italiane sono praticamente introvabili, se non in biblioteca...) credo riuscrebbe benissimo a leggerlo.
Questo terzo volume l'ho praticamente divorato perché davvero non volevo smettere, c'erano troppe cose interessanti!
Nel complesso, un libro che io ho trovato perfetto


Frankie

Commenti

  1. Purtroppo se non sono in italiano per me sarebbe impossibile leggerli...poche pagine magari si, ma un libro è impensabile, peccato perchè mi piacciono molto. :(

    RispondiElimina
  2. Uhm... io e l'inglese non andiamo d'accordo :(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Intervista: Michela Giudici

Tempo di Libri 2018

Nuova Uscita: Il Grande Dio Pan, di Arthur Machen