Segnalazione: Anche La Morte Ascolta Il Jazz - Valeria Biuso

Buonasera lettori! Vi va di immergervi nell'atmosfera newyorchese della prima metà del Novecento? Parliamo allora del romanzo Anche la morte ascolta il jazz di Valeria Biuso (Ianieri Edizioni) che, tra storico e fantastico, trasporta il lettore nella New York di fine anni ’40, fra i locali del bepop, spacciatori e morfinomani.  Poesia beat, moda, jazz, esoterismo, gusto fantastico e controcultura hipster si fondono in un'appassionata e trasversale ricerca di autenticità.
 

Quarta di copertina:
William Brooks è un giovane scrittore alla ricerca d'ispirazione a zonzo per le livide strade della febbricitante e contraddittoria New York della fine degli anni '40. Scrive recensioni per il Partisan Review, la rivista più radicale della città, e frequenta i locali storici del bebop, costipati da morfinomani, perdigiorno e hipster. L'inaspettato incontro con un lontano parente, l'azzimato e nebuloso Noah Tats, riesce però a scuoterlo dal languore in cui si sentiva da tempo impaludato. Una seducente e misteriosa promessa di consapevolezza illumina d'improvviso l'orizzonte di William. Ma la strada è ancora percorsa da fittissime ombre e pesanti inquietudini...


Estratto:
Io esistevo soltanto in mezzo a quello scenario. Tra quegli uomini in carriera che esibiscono il biglietto da visita anche al medico, gli stormi di marmocchi urlanti all’uscita da scuola, le madri, maldicenti e frivole, che pettegolano sul vicinato... New York era il mio spazio d’elezione, un continuo e nervoso scorrere di manifestazioni essenziali in cui vivere e barcollare. Una doppia apparenza, pregna di contenuto, a cui ero cosciente di appartenere, come un frammento di materia in un cosmo di menzogne, automatismi e atteggiamenti superficiali da cui dipendere in quanto accidente e ribellione.

Link acquisto:

L’Autrice:
Appassionata di letteratura francese e americana, Valeria Biuso si specializza nello studio delle lingue e delle letterature straniere, frequentando l’Alliance française, la Sorbonne di Parigi e l’Università di Pisa. Scrive racconti, disegna e guarda troppi horror e serie tv.

Che ve ne pare? Io ho letto diversi estratti in giro per il web e mi ha ispirato molto!

Alla prossima!
Ink Maiden

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista: Michela Giudici

Tempo di Libri 2018

Francesca Resta, Intervista l'Artista