Memory Download - Lorenzo Sartori

Buongiorno a tutti!
Oggi vi voglio parlare di un libro molto particolare che mi ha colpito tantissimo per le sue premesse e la sua ambientazione. Una recensione simile, uscita in anteprima, la trovate sul buon giornale online Onnigrafo Magazine: Memory Download
Si tratta di


Memory Download - La sindrome di Proust

di Lorenzo Sartori

Questo libro è molto particolare anche se la trama è, sostanzialmente, quella di un action movie americano. Azione, agenzie di spionaggio e controspionaggio, sparatorie, attentati tutti intrecciati in una trama che lascerà spazio a dei protagonisti tirati dentro alla situazione apparentemente per caso. Non credo abbia molto senso parlare molto della trama se non dando alcune informazioni generali, a parlare più in specifico infatti farei un torto a tutti voi con degli spoiler.
Siamo nel 2067, e le vicende hanno luogo prevalentemente tra Inghilterra e Stati Uniti. Il protagonista principale è Alec Raines, giovane "Downloader" di ricordi, vi spiego dopo cosa vuol dire. Alec a causa dei ricordi di una certa Alice Grossman, la ricercatrice che ha reso possibile il download dei ricordi vincendo anche un premio Nobel, si trova invischiato in cospirazioni, indagini, rapimenti e molto altro. Lui vivrà il tutto come in un immenso sogno, tra scoperte sconcertanti, decisioni prese per il rotto della cuffia e fatti su cui non è riuscito invece ad avere voce in capitolo.
Intanto gli faccio presentare cosa e come si fa a lavorare con i ricordi delle persone, sta parlando con Julia, la sua ragazza:

"- Non mi hai mai spiegato bene come fai a capire e a lavorare su quelle immagini - disse lei a un certo punto con un tono fermo, strappando Alec da una sorta di stato ipnotico davanti a tutto quel fluire di forme e colori.
- Be', non è facile, ci vuole un po' di esperienza. Ci sono ricordi di primo livello, di secondo livello, sogni, pensieri... e tutto questo si può sovrapporre.
Mosse le due mani per ingrandire una delle tante sequenze che fluttuavano nell'ologramma.
Bambini a scuola, durante la ricreazione.
- Per esempio, vedi questo bambino?
- Sì.
- Ecco, lui è proprio Sam Foster.
- Sam chi?
- Sam Foster, il proprietario di questi ricordi.
Lei strabuzzò gli occhi. - Ma se i ricordi sono suoi, come fa a vedersi?
- Infatti, guarda come questa immagine è sovrapposta?
Julia si avvicinò aggrottando la fronte, continuando a non vedere ciò che per Alec era ovvio.
- Sì, ci vuole un po' di occhio per accorgersene, ma questa è una immagine sovrapposta. La mente di Sam ha sovrapposto la propria immagine al ricordo. E' come si vede lui, o come si vedeva lui, in relazione a questo evento.
...
Il Memory Download scarica i dati che però non sono in sequenza, sono come un film senza montaggio." e il compito dei downloader è quello di riorganizzarli, pulirli e renderli pronti al caricamento.


Ambientazione: La parte a mio parere più importante e che mi ha emozionato di più è proprio questa: fra cinquant'anni il mondo non sarà così diverso da oggi eccetto per alcune innovazioni tecnologiche tra cui le più esplorate da Lorenzo Sartori sono il grafpad, discendente dell' ipad, creato con un sottilissimo strato di grafene, e l'impianto di connettori che in pratica prenderanno il posto dei moderni cellulari installandosi all'interno del corpo stesso. Ogni cosa è poi controllata da telecamere e viene utilizzato sempre più un mezzo biologico per il riconoscimento (scan retina) per qualsiasi operazione.
Ma so che aspettate qualche informazioni in più sulla caratteristica principale di questo romanzo, quella che gli da il nome, il Memory Download.

"- Circa trent'anni fa il governo americano diede il via al programma Empathy. Inizialmente un semplice progetto di ricerca il cui scopo era verificare le implicazioni delle scoperte della dottoressa Grossman. Di fatto si sapeva che il pensieri e i ricordi sono il risultato di un mutamento del nostro DNA. Se annusiamo o tocchiamo un oggetto il nostro cervello memorizza le informazioni ricevute e lo fa modificando un certo numero di neuroni in modo da fornirci una memoria di quell'oggetto. E i neuroni contengono DNA. E' su questo che si basa poi la digitalizzazione dei ricordi."

Digitalizzazione dei ricordi su cui si sta lavorando per riuscire a rendere possibile anche l'Upload e non solo il Download.
Da lettore è uno scenario davvero interessante che ha aperto in me moltissime questioni etico-morali e di utilizzo e che mi ha fatto riflettere tantissimo. Giusto o sbagliato? E al contempo l'utilizzo dell'Upload dove si potrebbe inserire e come?
Questioni su cui ogni tanto ripenso e tiro fuori di nuovo.
Interessante visione degli studi fatti secondo cui il DNA umano sarebbe un ottimo modo per convogliare informazioni grazie alla sua immensa potenzialità di immagazzinare dati (un grammo di DNA potrebbe contenere un trilione di gigabyte) anche se, da laureando in medicina, quelle informazioni non contengono ricordi e sono definiti dati in senso stretto. Ma comunque apprezzo lo sforzo dell'autore che ha trovato una base interessante per sviluppare la sua storia, anche se, con le nostre conoscenze attuali (chissà, forse in futuro si darà ragione a lui!), abbastanza erronee.

Conclusione:

Qua c'è una bella analisi da fare.
Partiamo dal mio reale apprezzamento di questa lettura: sì o no? La mia risposta in questo caso è decisamente più sul sì nonostante io non apprezzi le tipiche spy stories americane di cui il libro condivide l’impostazione e che lo stile riesce a enfatizzare con capitoli brevi e azioni incessanti.
Però ho apprezzato troppo ambientazione e tecnologie derivate (anche se un poco campate per aria come il download e upload dei ricordi, soprattutto da un punto di vista medico) che mi rendono tutta la lettura interessante e mai banale anche se da lettore ho azzeccato alcuni sviluppi ben prima che avvenissero.
In più tutta la questione dei ricordi ha aperto per me una bellissima controversia dove non ci può essere giusto o sbagliato e l’unica cosa che si ha sono infinite posizioni intermedie… cosa che mi lascia alquanto positivo sia sul libro che sull’autore.
Chi ha voglia di parlarne? Sono qua disponibile, mi piace confrontarmi su queste tematiche etiche!
Però non è un libro adatto a tutti.
Intanto deve piacere l’ambientazione futuristica e, soprattutto, non si devono odiare le spy stories perché sennò può lasciare solo un grande sapore amaro senza tutta la positività della lettura.

Pro: ambientazione interessante; molto movimento nella storia (ma deve piacere il come si muovono)
Contro: troppo in uno stile cinematografico americano per i miei gusti. Ma la questione è soggettiva.

Vi ringrazio, alla prossima


Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista: Michela Giudici

Tempo di Libri 2018

Francesca Resta, Intervista l'Artista