Intervista l'Artista - Giorgio Giunta

Buongiorno  a tutti!
Oggi per le interviste dedicate agli artisti abbiamo con noi Giorgio Giunta!

Benvenuto Giorgio!
Nonostante il tuo sito GiGorgio contenga molte informazioni su di te io ti chiedo comunque una breve presentazione per i lettori

- Beh dunque sono nato nel 1964, mi sono diplomato alla scuola del fumetto nel 1993 e ho fatto un po’ di tutto dal programmatore, al grafico web, al momento disegno barzellette per varie riviste di enigmistica e seguo un progetto relativo a un fumetto didattico sulla sicurezza.

Si può dire che tu sia un artista polivalente, tratti dalle storie a pezzi teatrali, dall’illustrazione al fumetto. Com’è nata in te questa passione multisfaccettata? 

- È che sono curioso e mi piace sperimentare e “produrre” in prima persona le cose che mi piacciono, quindi siccome amo i fumetti, li disegno, adoro la pittura, dipingo, non posso fare a meno di leggere, scrivo e così via.



Da cosa trai spunto per le tue opere?

- Da tutte e niente, spesso sono immagini senza senso che mi si accendono in testa, solitamente sono le mie opere che preferisco.

Parlando un attimo della tua produzione scritta, come mai hai deciso di lasciare molte opere a disposizione di tutti sul tuo sito?

- Perché in verità mi interessa molto di più il giudizio che l’aspetto economico, anche se devo ammettere che i soldi mi fanno tutt’altro che schifo e quando qualcuno mi stronca ci rimango parecchio male.

Com’è vedere recitata una propria pièce teatrale?

- Hai presente un orgasmo lungo un’ora!?! Ecco!!

Inoltre alcuni tuoi scritti, e alcuni fumetti, li hai pubblicati direttamente negli USA e in Canada, che percorso hai seguito?

- Internet, seguivo e seguo i forum di fumetto oltreoceano, lì c’è un sacco di gente che offre e cerca disegnatore e soggettisti, in questo modo ho conosciuto Marc Fleury e ho collaborato con lui e mi ha pure pagato in dollari!!!

Come sono stati presi dal pubblico internazionale?

- Non molto bene direi visto che le pubblicazioni hanno chiuso con il numero tre, ma secondo me era colpa delle copertine che per qualche misterioso motivo aveva affidato ad un altro, moooolto meno bravo di me ;)

Credi che gli artisti italiani siano ben visti all’estero?

- Assolutamente sì, la Marvel ormai è piena di disegnatori italiani, Castellini è stato il primo e ha aperto la strada

Tornando a parlare della tua arte… i disegni, le vignette e i fumetti che si trovano sul tuo sito sono per la gran parte ironici e divertenti. Da cosa ti deriva questa vena ironica?

- Dal fatto che la vita è già abbastanza triste, amara e corta, passarla a piangersi addosso o a scandagliare nel torbido non mi va, preferisco la pura evasione e la commedia comica (che poi spesso è più profonda dei drammoni noiosissimi)

Ironia per far pensare e riflettere, vedendo alcune immagini. Pensi che abbia successo?

- Non molto, l’unico in Italia che ha avuto successo con tematiche simili è Zerocalcare che però è molto romano, talvolta un po’ troppo

La domanda è quasi d’obbligo viste molte tue vignette: hai animali? Le vignette su di essi sono frutto di esperienze reali?

- Fino a 7 anni fa gli animali mi erano indifferenti e alcuni addirittura mi infastidivano, poi la mia compagna mi ha portato a casa un gatto e il mio mondo è cambiato, sono ormai un fervente animalista. E davanti a un gattino mi commuovo come una donnicciuola

I tuoi passatempi sono legati indissolubilmente alla tua arte, e  infatti troviamo molte vignette sulla tua passione per lo sport. So che questa passione ti ha influenzato a tal punto da farti decidere di creare un fumetto dedicato. Che progetto è precisamente? E dove sarà pubblciato?

- La corsa è lo sport che mi ha regalato le soddisfazioni maggiori, ho provato a proporlo a varie riviste di running, ma hanno il difetto di prendersi dannatamente sul serio e l’ironia non è molto ben vista, quindi per ora pubblico solo sul giornalino della mia società sportiva di atletica

So anche che hai fatto una mostra patrocinata dal tuo comune di residenza, pensi che siano tutt’ora un buono strumento per farsi conoscere?

- Beh sì, raggiungi gente che non ha internet ed è però interessata all’arte, peccato che organizzarle costi veramente tantissimo e se non vendi vai regolarmente in perdita

Ne hai altre in programma per il futuro?

- Se qualcuno mi offre uno spazio a prezzi modici perché no ?

Oltre al fumetto sulla corsa hai altri progetti in via di sviluppo di cui ci vuoi parlare? 

- Come ho detto all’inizio sto collaborando con Domenica Quiz e Gente enigmistica come vignettista, un lavoro che mi diverte e mi aiuta a tenere acceso il cervello per creare sempre nuove battute, poi c’è un grosso progetto di fumetto didattico sulla sicurezza ma siamo ancora in trattativa

Direi che siamo all’ultima domanda… sul tuo sito c’è scritto che fai il grafico e il programmatore. 
Quanto riesci a inserire la tua arte nel tuo lavoro di ogni giorno?

- Purtroppo le ore disponibili sono sì e no 12 e con i miei interessi sono sempre poche, mi tocca spesso disegnare la sera dopo cena ma se c’è passione (e pagano bene) pesa meno

Grazie mille della tua presenza qua con noi,

Consiglio ai lettori interessati di visitare il sito di Giorgio: Gigorgio


Alla prossima

Aratak

Commenti

Post popolari in questo blog

Intervista: Michela Giudici

Tempo di Libri 2018

Francesca Resta, Intervista l'Artista