Intervista al Lettore: Carmela e Federico

- Nome 




- Carmela
















- Federico




- Chi sei?


C - Ho 30 anni, disoccupata ho frequentato l'Itis per l 'nformatica!

 

F - Ho 27 anni. Sto conseguendo una laurea magistrale in Scienze Storiche. Fino al mese scorso lavoravo presso una libreria antiquaria.




- Grazie a chi e a quale libro avete scoperto la passione per la lettura e perché?


C - Una versione leggi e colora di Giulietta e Romeo, ci regalarono quei libricini, per invogliarci alla lettura,frequentavo le scuole elementari,forse devo ancora colorarlo :)

F - 
Il merito va a mia madre, grande appassionata di libri e fumetti. Il mio primo romanzo fu Lo Hobbit, a 8 anni. Da allora non ho più smesso.



- Qual è il tuo genere preferito?


C - Non ho un genere preferito, ma spesso le biografie i diari sono i miei preferiti

F - Sicuramente il fantasy, ma ho un particolare apprezzamento per la letteratura inglese di età vittoriana, l'epica e per i poemi latini classici e medievali.



- Secondo te è giusto dividere i libri per genere?


C - 
Assolutamente! Sennò diventa monotona spenta, detesto!!! L'idea è concepibile solo in libreria , ma non perché facilita la ricerca...ma perché riesce a frenare la tentazione di altri acquisti, la mia voglia di acquisti è un pozzo senza fondo!!!


F - 
Quando si parla di letteratura credo ci sia troppo “razzismo”. Un libro va valutato in base alla qualità della storia e della scrittura, non per il genere. A quel punto si potrebbe dire che un libro è migliore perché l'ha scritto una donna piuttosto che un uomo o viceversa.




- Autore con cui condivideresti un buon tè e due chiacchiere alle cinque del pomeriggio? Perché?


C - Autore,mmm Alberto Angela sto leggendo I tre giorni di Pompei, vorrei fargli tante domande !

F - Fino a un paio di mesi fa avrei detto Sir Terry Pratchett, ma considerata la sua dipartita direi Joe Abercrombie, che considero il futuro volto del fantasy mondiale. Apprezzo molto la psicologia dei suoi personaggi e il livello di tensione che mantiene per tutti i suoi romanzi.



- Personaggio letterario con cui passeresti una giornata? Perché?



C - Liesel la protagonista di storia di una ladra di libri , ho provato molta tenerezza verso il suo personaggio

F - Sicuramente Ulisse: magari riuscirebbe a insegnarmi qualche trucchetto per migliorare la mia vita ed evitare troppi “scontri frontali”.



- In media quanti libri leggi all'anno?




C - dipende dal periodo, a volte due libri al mese dipende dai libri da gennaio ad oggi a 7 libri

F -  Quando sono fortunato tra i due e i tre libri al mese, quindi tra i 25 e i 30 libri l'anno. Questo escludendo, ovviamente, le letture che devo fare per lavoro o per i miei studi universitari.



- Che libri scarti a priori in una libreria? (Anche del genere che leggi)


C - Scarto gli erotici

F - Qualsiasi cosa parli di maledetti vampiri e licantropi innamorati in un liceo, o libri eccessivamente pubblicizzati. Per quelli aspetto un anno o due, quando la moda è passata.



- L'iniziativa dell'anno dei libri su facebook per te è utile?


C - 
sono a favore di questa iniziativa ma credo che Internet distrae molto e allontana i lettori che questa iniziativa potrebbe coinvolgere


F - Non avendo Facebook, temo di non poter rispondere



- E l'iniziativa #ioleggoperché ? Sei un “messaggero”?


C - Non mi sono informata abbastanza su questo iniziativa la connessione è pessima e va lentamente!




 Quale trasposizione cinematografica trovi più riuscita? Quale meno? Perché? 


F - Credo, nonostante l'avversità di molti puristi, che la trasposizione migliore da me apprezzata in questi anni sia la Trilogia del Signore degli Anelli. Sì, nonostante sia stato scartato Tom Bombadil. La peggiore, credo assolutamente insuperabile, è quello scempio ai danni di Omero che fu Troy (2004), un film pessimo, da vedere col taccuino in mano per annotarsi tutte le scempiaggini presenti in quel film.



Leggi ebooks? Cosa pensi di questo formato? 


F - Non leggo molti ebooks, dato che non ho un mio lettore personale. Tuttavia ritengo che il formato possa essere un eccellente metodo di diffusione, purché non lo diventi MAI di conservazione.



- Partecipi a fiere sui libri? Pensi siano stimolanti per i non lettori?




C - Non partecipo perché dove vivo io non esistono neanche le bancarelle dei libri usati, spero però che qualcuno venga attratto e rapito da un libro, si sentirà diversamente libero!

F - Per lavoro faccio molte fiere dell'editoria e del libro. Alle volte mi trovo di fronte a scene deliranti, ma il più delle volte ne ricavo soddisfazioni non da poco. Credo che un non lettore, sommerso da una quantità particolarmente elevata di libri, se ne ha il desiderio e la voglia possa trovare facilmente qualcosa di gradito, che possa invogliarlo a iniziare.



- Ti fideresti a lasciare un mercato largamente preferito come quello delle grandi CE per buttarti in uno più di nicchia come CE piccole o autori self?


C - si perché una grande casa editrice non è sempre una garanzia di una buona lettura, ho letto alcuni libri pubblicati con il self bei racconti bei libri,che meritano!

F - Solitamente preferisco self e piccole realtà alle grandi case editrici. Ci sono casi di CE importanti che sto boicottando da anni, comprando i loro libri esclusivamente usati. (Io faccio lo stesso con la M =P )



 Cosa pensi dei self (autori auto pubblicati)? 



C - sono favorevole c è gente che ha talento scrive bene le grande case editrici penso che dovrebbero essere più aperte , mi sembra di vedere troppo marketing studiato a tavolino.

F - Ritengo sia una scelta molto coraggiosa: non tutti riescono a trovare un editore che abbia fiducia nel proprio lavoro e la voglia di sostenerti. Quando si sceglie l'auto-pubblicazione si fa una scelta rischiosa, che un lettore, quando necessario, dovrebbe cercare di sostenere.




- Cosa si potrebbe fare per avvicinare dei non lettori alla lettura? Soprattutto da bambini.


C - penso che per creare un lettore, bisogna parlare ai bambini dei libri, farli incuriosire e trovare magari un filo invisibile tra un hobby e un libro. Credo dipenda anche dalla ambiente in cui crescono, può anche crescere in una casa piena di libri e non avere lo stimolo la curiosità a leggere un rigo...
 

F - Sugli adulti, salvo particolari folgorazioni sulla via di Damasco, temo ci sia poco da fare. Con i bambini è importante non trattarli con condiscendenza, ricordarsi che anche loro sono persone con gusti e sentimenti. Quindi cercare libri che, pur nella loro semplicità, possano essere accattivanti. Il miglior esempio che mi viene in mente è Harry Potter. Un'intera generazione è cresciuta con lui.



- Quando devi scegliere un libro vai a cercare le recensioni altrui? Pensi che siano utili?


C - le recensioni le leggo forse dopo aver letto un libro, una specie di confronto con altri lettori, compro un libro quando mi piace il titolo una copertina una frase letta da qualche parte, ma non seguo le recensioni c'è una frase che dice qualcosa tipo: leggiamo la stessa Bibbia ogni giorno dove io leggo nero tu leggi bianco dove io leggo bianco tu leggi nero....

F - Leggo spesso i blog di recensioni, ma mi fido solo di quelle che forniscano dei contenuti esaustivi e delle motivazioni per le loro critiche. Alle volte, il fatto che l'autore non abbia letto il libro, è sfacciatamente palese. Poi una recensione positiva, così come una negativa, può sempre influenzarmi. Se me la ricordo...



- Ti informi sugli autori che leggi? Ti interesserebbe leggere loro interviste?


C - si se mi è piaciuto il libro cerco di conoscere meglio l'autore attraverso video interviste e tutto quello che riesco a trovare in rete

F - Anche questa è una cosa che faccio spesso, cercando di non farmi condizionare troppo. Alle volte, un'impressione sbagliata su un autore, pregiudica la lettura.



- Che cosa ti attira in un libro? 




C - difficile spiegare cosa mi attira in un libro, a volte anche l'odore della carta!

F - Per lavoro ho imparato che il libro si giudica (ahime) dalla copertina. Poi, una volta attratti da quella, se si è dei lettori seri, si sceglie di approfondire la trama, nel qual caso si può facilmente scegliere in base a un'idea iniziale sul contenuto dei libri.




Cosa in due libri dello stesso genere ti fa propendere per uno dei due?




C - bella domanda un lettore si sa agli occhi del mondo sembra una persona calma e lucida ma dentro è molto strano ...da legare... io sento le voci ;) e li scelgo: )

F - Alla fine la discriminante è sempre la trama, in cui cerco sempre una buona dose di originalità.




Che rapporto hai con le librerie? Le vedi più come una zona self-service o chiedi anche consigli e pareri? 


F - Almeno una volta la settimana mi chiudo in libreria alla ricerca di un libro, anche se tendo a preferire le bancarelle dell'usato. Quanto alla scelta, preferisco fare da solo: l'ultima volta che ho chiesto consiglio, mi sono ritrovato con gli Eroi del Crepuscolo in mano e 20€ in meno.




- Quando scegli un libro a cosa dai importanza? Alla copertina, alla quarta...? Quanto dai peso a questi elementi?


C - se mi ritrovo lo stesso libro uno con copertina rigida  l'altra flessibile scelgo la copertina rigida altrimenti continuo a dare importanza alla vocina che chiama



- Quando compri un libro ti fa timore comprarlo su internet a scatola chiusa? (Parlo di editori e libri che non hanno la possibilità di fare l'anteprima come amazon)



C - anche se ci fosse l'anteprima forse non la leggerei :)

F - No, anche perché ormai, a meno che il libro non sia appena uscito è impossibile fare un acquisto a scatola chiusa. Si trovano sempre informazioni al riguardo. Generalmente, con la diffusione delle recensioni, si sa subito qualcosa di un libro e della sua qualità, abbastanza per rischiare o meno un acquisto.


- Cosa pensi del bookcrossing?



C - oddio abbandonare il mio bambino su una panchina nell'attesa che qualcuno lo adotti? No sono una mamma chioccia io :)

F - Vivo di libri usati. Basta come risposta?




L'intervista è finita, cosa ne pensate cari lettori?
Volete partecipare anche voi? Scriveteci! 

Commenti

Post popolari in questo blog

Upper Comics

Il Cuore di Quetzal - Gianluca Malato - Nuova Uscita Nativi Digitali Ed.

Flowers - Luca Morandi