Guardian of Honor

Guardian of Honor - Robin Owens


Buonasera a tutti!
Finalmente un'altra recensione MIA!
Come al solito partiamo dall'inizio: perché ho scelto questo libro?
Come è già successo e succederà molto spesso in futuro questo libro mi è stato consigliato nonché prestato dalla mia ragazza.
Mi ha detto: la trama non è interessantissima, è una come molte altre nel panorama fantasy, ma quello che voglio tu colga è l'evoluzione dei personaggi, soprattutto di uno. (Non mi ha fatto nomi, dovevo coglierlo da me e per fortuna ci sono riuscito)
Seconda cosa che mi ha detto è che l'ha comprato in inglese (quindi anch'io l'ho letto in inglese) perché l'unica copia in italiano che aveva trovato tempo fa veniva sugli 80 euro. La collana Fantaluna di cui è la settima uscita si è bloccata alla nona. In più era solo il primo libro di 5 si dispera per i restanti in Italia.


TRAMA:
In effetti non è niente di speciale:
Lladrana è una terra fantastica con dame e cavalieri (nota positiva sulla parità dei sessi: i cavalieri sono sia maschi che femmine) in pericolo: il "nemico" ovvero una schiera di creature malvagie sta attaccando i suoi confini magici, confini che fino a poco prima erano intoccabili grazie ad un "recinto magico" (magic fenceposts) creato da un passato "Esotico".
Esotico è il termine che usano per chiamare le persone del nostro mondo che convocano nel loro.
Quindi ricapitoliamo: mondo in pericolo, Esotici che aiutano, cosa aspettiamo? Arriva Alexia una normale americana che viene trasportata in Lladrana grazie alla magia dei "Marshalls" gli "oligarchi" della loro società.
Alexia viene sottoposta a delle prove dove dimostra di essere degna di entrare a far parte di questa schiera ristretta di maghi-guerrieri.
Ma Alexia potrebbe decidere di tornare nel suo mondo da un momento all'altro per questo decidono di sottoporla il prima possibile al "pairing" in pratica il "destino" sceglie il tuo partner ideale (sveltirebbe molto le cose qua da noi), ma il rituale fallisce.
Alexia inizia comunque l'addestramento per usare la magia (tutti gli esotici sono dei maghi molto potenti, per quello vengono richiamati dal nostro mondo) e scopre il suo dovere: ricreare la barriera magica per scacciare le creature del male da Lladrana.
Tra millanta pericoli nonché intrighi (la maggior parte da parte di Reynardus: il capo dei Marescialli) incontrerà varie persone, ma soprattutto incontrerà e si innamorerà di Bastien, figlio di Reynardus, un cavaliere.
Grazie all'amore per lui ed al sentimento nascente che prova per la nuova terra su cui si trova Alexia respingerà il suo vecchio mondo per rimanere insieme ai Marescialli ad affrontare la battaglia finale.

Come vedete la trama per un fantasy è molto semplice: un mondo in pericolo con forze malvagie di numero soverchiante che lo attaccano, un'eroina che deve compiere un'impresa disperata.



AMBIENTAZIONE:
Lladrana è un mondo magico fatto soprattutto di "musica" ogni essere vivente ha una propria melodia che lo contraddistingue. Se due esseri sono innamorati o si odiano questo sentimento si ripercuoterà sulla melodia presente tra loro, tra tutti infatti c'è una melodia di sottofondo che li accomuna per poi intensificarsi in svariati modi a seconda di quello che succede tra le persone. Una melodia può essere anche "cancellata" in parte se le sensazioni sono davvero negative.

Anche la magia si basa sulle melodie, infatti per evocare una magia bisogna salmodiarla.

Lladrana è governata dai "Marescalli" dodici persone divise a coppie governate dal CapoMaresciallo, sono dei maghi guerrieri molto potenti, le coppie sono formate da una "spada" e da uno "scudo" in base alle caratteristiche a cui il maresciallo è più vicino.
Le coppie possono essere marito e moglie, una coppia omosessuale (nel "pairing" sono presenti entrambi i sessi) oppure tra fratelli- sorelle.
Ogni Maresciallo è proprietario di un'ampia fetta di terreno.
Ogni Maresciallo durante la sua cerimonia d'iniziazione sceglie una Bacchetta. Alexia sceglie la Bacchetta di Giada dell'Onore.

I cavalieri sono sia maschi che femmine, e cavalcano pegasi (Volaran) per andare in battaglia. Sono addestrati nell'uso delle armi e solo in parte minore della magia. I cavalieri combattono in prima linea contro i mostri che stanno attaccando e stravolgendo Lladrana. Quando si ritireranno otterranno terreni in proporzione ai loro meriti.

Streghe e stregoni un ordine poco visto in questo primo libro. Potenti nella magia.

Il "Cantante" una specie di oracolo che legge il futuro tramite "Song Quests" ovvero "ricerca delle canzoni".

La potenza della magia si riconosce perché lascia delle striature argentate nei capelli. I capelli di Alexia arrivando a Lladrana diventano completamente argentei, il CapoMaresciallo ne ha sui 3\4, la maggior parte delle persone normali ha solo qualche ciocca argentea. Ci sono delle persone, come Batien, che hanno una magia forte ma incontrollabile sono i Bianchi-neri ovvero persone che hanno i capelli di un colore misto. Vengono chiamati anche "faulted" "difettosi"...



PERSONAGGI:

Qua arriva il bello:

Alexia: no non è lei il bello... Lei è una "tipica" cittadina americana, ha appena perso un'amica nel nostro mondo ed essere catapultata a Lladrana in mezzo ad una guerra fa miracoli per il suo stato d'animo.
La sua evoluzione è comunque molto bella: da persona egoista che non appartiene ad una terra (è cresciuta in orfanotrofio e senza genitori) a persona non solo importante ma anche sicura di sé (sempre nel limite del possibile) che ama la terra dove è stata portata e ne ama gli abitanti.

Sinafin: uno dei miei personaggi preferiti è definito un "Feycoocu" una creatura mutaforma fatata, molto potente nella magia e che porta fortuna.
Non si sa molto di lei, se non che arriva con Alexia e le fa da traduttrice prima che lei impari la lingua.

Reynardus: il CapoMaresciallo. Odia Alexia e cerca di metterle i bastoni nelle ruote in tutti i modi possibili. E' una "Spada" mentre suo fratello Ivrog è lo "scudo".
Bella è l'evoluzione di entrambi i personaggi. Reynardus ha un motivo per odiare Alexia che ha a che fare con la sua canzona personale mentre Ivrog grazie all'arrivo di Alexia vede i rapporti nella sua famiglia "ristabilirsi". In più riesce a smettere di essere un bonzo ubriacone.

Thealia: la Marescialla più potente dopo Reynardus, è quella che ha sostenuto di più la chiamata di Alexia. E' la "Spada" mentre il marito è lo "Scudo"

Luthan, Cavaliere figlio di Reynardus, un gran figo a quanto viene descritto. Dopo un primo impatto di ribrezzo verso Alexia arriverà a rispettarla ed aiutarla.

Bastien. Il personaggio migliore. Assolutamente. Bianco-Nero, secondo figlio di Reynardus "combatte" contro il padre e la sua influenza da quando ha ragione. E' irruente, un grande amatore da quanto raccontano tutte le ragazze ma non gli piace la monotonia e non ha una ragazza fissa. Sempre in prima linea contro i mostri osteggia da sempre i Marescialli e la loro segretezza.
Però... A causa di un piccolo inconveniente ne entrerà anche lui a far parte: infatti il pairing tanto atteso avviene tra lui e Alexia (ed a volte qua il libro diventa un soft porn...). Alexia sarà la "spada" e Bastien lo "scudo".
La sua evoluzione è quella migliore (e quella che mi voleva mostrare la mia ragazza, dice che tutti noi maschi dovremmo prendere esempio da lui) da egoista completo ad una persona in grado di dare la propria vita per la persona che ama. Con vari passaggi intermedi che ti spiegano tutto per filo e per segno senza lasciarti deluso.
Ha un orribile cappello fatto con la pelle di un "succhiatore d'anima" (Soulsucker)



STILE:

Il libro è scritto in terza persona al passato.
Il POV principale è quello di Alexia ma ce ne sono un paio anche di Bastien e di Sinafin, sono tutti ben differenziati tra loro ed i dialoghi tengono abbastanza.



CONCLUSIONE:

Un libro nella media e un pochino sotto se si vuol guardare solo la trama, ma per quanto riguarda i personaggi direi che molti scrittori avrebbero qualcosa da imparare da questo libro sulla caratterizzazione nonché evoluzione del personaggio.

Un libro per appassionati di fantasy, non consigliato per chi è amante del genere "gritty" (termine nuovo ma che sto imparando ad utilizzare) ovvero quello tipico delle cronache del ghiaccio e del fuoco.

Un libro consigliato alle donzelle che potranno sbavare finalmente dietro ad un grande figo che potrebbe spezzare in 3 quelli che ammirano ora.

Direi che è tutto, alla prossima recensione! (Che sarà negativa)

Aratak

Commenti

Post popolari in questo blog

Upper Comics

Il Cuore di Quetzal - Gianluca Malato - Nuova Uscita Nativi Digitali Ed.

Flowers - Luca Morandi