Il dono delle Furie

Il dono delle Furie - Elizabeth Miles


Allora partiamo dal principio. 
Non so bene dove piazzare questo libro visto che in teoria è l'opera d'esordio di questa scrittrice. Ma visto che lo vede tradotto già in più lingue lo posizionerò tra gli autori affermati.
Io ho preso questo libro in biblioteca (per fortuna) perché mi aveva ispirato già tempo fa il fatto delle "Furie" divinità di solito non buone e vendicative.
Mi aspettavo un romanzo nello stile "Percy Jackson" (che dovrei rileggermi) quindi divinità mischiate ai mortali con avventure e storie piene. 
Di certo non mi aspettavo... questo.


Ambientazione: 

Ascension, un paesino sperduto degli USA ghiacciato gran parte dell'anno.
Già solo questo mi ricorda un altro paesino degli USA con la pioggia che cade 350 giorni l'anno. 
A voi no?
PS se non vi ricordate sto parlando di twilight che a me (letto tutti e 4 i libri e dopo volevo suicidarmi) non è piaciuto. Ripeto a ME, giovane maschio lettore di avventure stratosferiche con battaglie agguerrite, nemici implacabili e se presenti "veri" vampiri e "veri" licantropi. 


Trama: 

Emily Winters e Chase Singer sono due normali ragazzi del liceo. 
Emily è una ragazza intelligente, brillante che grazie all'amicizia di Gabby fa parte del gruppo delle "vincenti".
Ciò non le impedisce di baciarsi e quasi montarsi il fidanzato di Gabby (Zach McCordy) mentre lei è via. Paturnie adolescienziali.
Chase è il migliore amico di Zach, è un astro nascente del football locale ed ha molti segreti da nascondere, primo tra tutti la sua povertà estrema causata dalla morte del padre coperto dai debiti. Ma non solo ci sono altri segreti più oscuri che lo attanagliano da dentro.
In questa fantastica cittadina abitata da adolescenti problematici (tra cui anche l'amico d'infanzia di Emily JD nonché suo zerbino personale) arrivano le furie. 
Furie che come "simbolo" hanno un'orchidea rossa e come obiettivo hanno la "vendetta" su chi abbia commesso degli errori.
Hai ucciso il gatto del vicino per sbaglio? Il tuo muore tre giorni dopo? E' colpa loro.
Hai fatto del male a qualcuno? Ti ritornerà indietro anche triplicato. 
Karma? No perché vale solo per le cose negative. 
Ah, si ero alla trama... 
Non c'è molto altro da dire: le furie colpiranno in modi inimmaginabili le loro due vittime designate (quando c'erano altri che lo meritavano di più... bah) fino allo "scontro" completamente impari finale. 
Con opportuni colpi di scena e finale "aperto".
Perché si. Purtroppo è solo il primo.


Personaggi:

- Emily Winters: ragazza normale e banale, una delle "favorite" della scuola solo grazie alla sua migliore amica Gabby. Emily vuole una storia d'amore passionale di quelle che si trovano nei libri e nei film di seconda categoria e crede di averla trovata con Zach. 

- Chase Singer: il nuovo asso della squadra, cerca da sempre di mettersi in risalto tra tutti i ragazzi ricchi di Ascension grazie alle sue doti atletiche anche perché la sua povertà farebbe allontanare tutti. Nel suo passato ci sono altre storie buie.

- Gabby: (non serve un cognome. O meglio ce l'ha ma non serve a riportarlo tanto è sciapo il personaggio) è la "reginetta" della scuola. E non se la tira! Un vero miracolo ragazzi! Lei ed "Em" sono il centro di riferimento di gran parte delle attività ricreative della scuola e si divertono un mondo a spettegolare.

- Zach McCord: fidanzato di Gabby, stronzo che più stronzo che non si può (Gabby solo con la quantità di corna che ha potrebbe bastare per tutte le renne che trainano la slitta di Babbo Natale. Riserve comprese).

- JD: amico di infanzia di "Em" e da lei friendzonato nonostante gli ovvi sentimenti che prova per lei.

- Drea. Cerca di combattere le Furie. Non c'è altro da dire.

Personaggi di uno spessore... Di un foglio di carta spesso. Per alcuni basta anche la carta velina.

Stile:
Il libro è scritto in terza persona al passato. 
I POV sono 2 Emily e Chase. Eccetto un epilogo finale di Zach. 
Tra POV e POV non c'è quasi la minima differenza. Cambiano solo i problemi dei protagonisti: Oh ma Gabby mi perdonerà mai? -NO IDIOTA!-; Oh ma troverò una dama per il ballo? Uga Uga!! -No se non la cerchi nemmeno stupido coglione!-
I capitoli non sono lunghi. No. E' il libro che anche se fosse stato di una pagina sarebbe stato troppo lungo. 


In Conclusione.

Che dire di questo libro?
Forse si è capito che non mi è piaciuto per nulla? 
Non so da cosa partire a dire che non mi è piaciuto.
Dai personaggi? dalle aspettative inattese?
Incominciamo:
Ti aspetti un libro sulle furie? Magari con divinità greche, spiegazioni approfondite sulle varie divinità? 
NON PRENDERLO. 
E' un libro che vede le Furie come antagoniste della società (e fin qui ci potrebbe anche stare). Ma non dice nulla o quasi di loro: "Delle Furie. Si tratta di tre ragazze. Tre spiriti. Tre demoni. Tre streghe. Chiamale come ti pare. Esistono dalla notte dei tempi e ora sono qui, in città. Hanno anche altri nomi. C'è chi le chiama Erinni che in greco vuol dire "colleriche". Sono delle figure mitologiche molto note, perseguitano chi fa del male. Per farla breve aspettano che gli uomini commettano degli errori e poi decidono la punizione migliore." . 
Questa è quasi tutta la spiegazione che danno sulle Furie. Non spiegano nulla sui loro poteri, su di loro.

Secondo: Personaggi. Come dicevo prima hanno poco spessore. Va bene che vogliono essere fedeli ai ragazzi di questi giorni che mi sembrano in effetti molto "svampiti" ma nel libro si esagera. Non ce n'è uno normale se non JD o Drea che ovviamente vengono tirati in ballo solo come personaggi secondari senza dire granché di loro (eccetto per JD che essendo il migliore amico di Emily si becca tutti i suoi pensieri...).
I due personaggi principali sono sciapi, non hanno sapore, non danno nulla al lettore. All'inizio del primo capitolo con la descrizione di Emily: che legge molto, abbastanza timida, che non risalta... Mi stavo quasi immedesimando. Quando ecco che tradisce la fiducia della migliore amica col suo ragazzo, si scopre che si baciava e si palpava chiunque ecc... 

Terzo: Non esiste una trama degna di questo nome. Ci sono piccole beghe tra fanciulli risolvibili tra fanciulli a cui ha voluto aggiungere quel tocco soprannaturale alla twilight per vendere. 
Le beghe principali sono storie di amore o quasi. Diciamo che al contrario di twilight che era stato scritto con filo conduttore una storia d'amore qua non c'è un filo conduttore. Se non alla fine quando finalmente si capisce che esistono le furie, ma non basta.

Forse dovrei dare una seconda possibilità a questa trilogia (una per ogni furia) visto che l'ho letto pensandolo come libro singolo ma anche così rimane una narrazione troppo sconclusionata, senza avvenimenti degni di nota (e ci sono delle morti), senza tanti colpi di scena. 
Con un personaggio presente solo perché così riusciva a scrivere una trilogia legata (Drea che caccia le furie) sennò poteva benissimo scrivere racconti sulle Furie che distruggevano tutto sul loro cammino... senza molto senso. 

Un libro che a me non ha detto nulla. Ancor meno mi ha dato alcunché tranne una sensazione di malessere a leggerlo e chiedermi: Hanno davvero tradotto e sprecato carta per una robaccia simile?
Immagino ci possano essere quelli che lo apprezzeranno, persone che cercano una storia d'amore o una storia carina e banale da leggere per passare il tempo.

Io non sono così e nonostante il senso di mancanza che mi da il non finire una serie di libri credo proprio che la lascerò ora, in modo da non farmi più del male da solo.


Aratak

Commenti

Post popolari in questo blog

Upper Comics

Il Cuore di Quetzal - Gianluca Malato - Nuova Uscita Nativi Digitali Ed.

Flowers - Luca Morandi