martedì 30 maggio 2017

Intervista a Irwing Phan, disegnatrice e fumettista

Buongiorno a tutti! 

Oggi è con noi Irene, alias Irwing Phan, per parlare di illustrazioni, progetti e del suo fumetto: Rebel’s Identity.
Avviso inoltre che da oggi non avranno più una pubblicazione giornaliera bensì saranno pubblicate ogni 2-3 giorni =)


Visualizzazione di cover.png


Benvenuta Irwing, ci potresti dire qualcosa su di te? 
  • Ciao! Dunque... ho 26 anni, amo leggere e scrivere, ma – ovviamente – soprattutto disegnare. Ho studiato in un liceo artistico, ma mi sono specializzata nella tecnica manga grazie ai corsi di Wish e Federica Di Meo (Somnia, Planet Manga). Ho iniziato a lavorare anche come insegnante di fumetto a mia volta e nel poco tempo libero che non passo a disegnare mi piace molto pattinare – sia sul ghiaccio che sui roller – anche se decisamente quello non è un campo in cui eccello... (ride).
    Tra i miei autori preferiti spiccano sicuramente Kazuya Minekura, Takeshi Obata e Hiromu Arakawa.


Quando hai iniziato ad appassionarti al disegno? 
  • In realtà, da sempre. Mi sono appassionata molto presto sia alla scrittura che al disegno; da bambina ho iniziato le elementari sapendo già leggere, e riempivo intere agende di personaggi e storielle assurde! Poi la passione è continuata alle medie, disegnavo dei fumetti sceneggiati da un mio compagno di classe, e poi ho scoperto i corsi di Wish, l'insegnante che ha completamente rivoluzionato il mio modo di vedere il manga.
    Iniziando a studiare nel 2008 ho iniziato a vedere il mio sogno di diventare mangaka sempre più realizzabile.

lunedì 29 maggio 2017

Intervista a Valentina - Illustratrice

Bentrovati lettori del blog!
Oggi è con noi Valentina Vanasia, Vi Art, per rispondere a qualche domanda!





Inizierei subito chiedendoti di presentarti
  • Ciao! anzi tutto grazie per quest’occasione, l’ho davvero apprezzata!
    Dunque, cosa dire in breve: mi chiamo Valentina, in arte Vi. Vivo a Milano e mi nutro di immaginazione! Potrei dire mille cose di me: amo leggere, la musica e al tempo stesso il silenzio, il teatro come il cinema (magari avendo occasione di recitare o prendere parte a scatti fotografici) sognare a occhi aperti e rimanere un po' bambina. Disegno e suono il piano, faccio bozze di piccole storie a cui, prendendo un po' di coraggio, vorrei dare vita con animazioni o vignette. E quante cose si potrebbero aggiungere su di me, e quante si aggiungeranno o toglieranno nel corso degli anni! Il bello è proprio questo no? :)


Parliamo della tua passione e del tuo lavoro: il disegno. Cosa ti ha portato a disegnare e perché disegni?
  • Potrei sembrare banale, ma il disegno è stato un aspetto che mi ha seguito fin da quando ero piccola. Ha preso nel corso degli anni varie sfumature, scopi e modi d’espressione diverse ma è sempre stato accanto a me, dai banchi di scuola fino a qui, ove riempie le mie giornate. Disegno perché la percepisco come se fosse la mia voce. Non sono brava a parole e per mezzo dell’arte riesco a dire tutto in modo semplice. Inoltre è sempre stato un mezzo terapeutico. Mi rilassava in classe scarabocchiando sui quaderni. Mi faceva sognare quando abbozzavo storie e personaggi, insomma, per ogni cosa c’è un disegno! La sera lavoro anche in un ristorante e si capisce quando sono di turno perché disegno sul quaderno delle prenotazioni (eheh) capita spesso che se sono stressata o piena di pensieri, prenda a scarabocchiare, anche sketch brutti da vedere, ma mi permetto di mettere nero su bianco tutto e liberarmi di quelli che potrebbero diventare alla lunga pesi inutili sullo stomaco.

domenica 28 maggio 2017

Intervista a Muninn - Illustratrice

Bentrovati amici lettori!
Oggi con noi abbiamo Muninn, alias Andrea, lei andrà ad aprire un periodo dedicato a disegnatori e artisti italiani, per gran parte direi illustratrici e disegnatrici.
Sono tutte persone interessanti, seguitele! =D 



Io direi di iniziare chiedendoti qualcosa di te, chi sei e cosa fai nella vita?

  • Tanto per cominciare, un immenso grazie sia a te che a chiunque abbia deciso di dedicarmi del tempo! Vivo in uno sperduto paese della provincia di Alessandria, ma sono nata nella Superba Genova, dove mi sono laureata in Conservazione dei Beni Culturali, in Storia dell’Arte e in Scienze Storiche, Archivistiche e Librarie. Mi piace leggere, soprattutto fantasy e grandi classici (il mio libro preferito è Il Conte di Montecristo), ascolto musica metal, rock, folk e qualche illustre italiano. Ho una fissazione per le religioni, la teologia e l’occulto in generale.


Quindi sei una persona laureata, con due specializzazioni e che, possiamo dire, è molto acculturata. La domanda viene spontanea: in questa Italia questo tipo di lauree ti sono servite a qualcosa? 

  • Sni… Ok, devo essere onesta: in Italia le lauree umanistiche non pagano. Se poi ruotano intorno all’arte e ai beni culturali, tanto vale espatriare. Sono iscritta nelle graduatorie scolastiche e ho acceso un cero quando nel 2016 ho avuto la benedizione di lavorare per 6 mesi in un liceo classico come docente di storia dell’arte. Ma è veramente dura, i titoli di studio sembrano non bastare mai: prendi la triennale e serve la magistrale. Vai avanti e serve il dottorato. Poi però chiedono il master. Tuttavia non rimpiango la mia scelta, ho studiato ciò che amavo e ho dato solide basi culturali alla mia arte. Perché ritengo che disegnare, dipingere e illustrare non necessitino solo di una mano addestrata. Insomma, credo nel mito di Leonardo e dell’artista ‘completo’, che riempie ogni giorno le proprie lacune con studi e letture di ogni tipo. Quindi insomma… le lauree non mi sono servite a trovare il famoso lavoro fisso, forse… ma indubbiamente credo abbiano reso migliori le mie opere.

sabato 27 maggio 2017

Evelyn - Intervista Illustratrice

Buon giorno cari lettori e ben venuti a questa nuova intervista, oggi abbiamo con noi

Evelyn, illustratrice 



Iniziamo con una tua presentazione: raccontaci un po di te.

1.       Mi chiamo Evelyn ma non è un nome d’arte: è proprio il mio nome! Sono un’artista freelance, ho 25 anni e sono siciliana ma vivo in Lombardia. Da qualche anno pubblico e promuovo i miei disegni sul web, anche grazie alle collaborazioni con scrittori, poeti, cantanti, blogger e non solo.

venerdì 26 maggio 2017

La Morte Velata - Capitolo 9 - Valentino Eugeni

Bentrovati lettori!
Eccoci al nuovo capitolo del Romanzo a Puntate di Valentino Eugeni, vi lascio il link al Capitolo 1 se qualcuno non lo avesse letto.
E vi lascio il link alla pagina dell'autore: Valentino Eugeni
La Morte Velata, Capitolo 9


[Piedi nudi sul pavimento, pioggia, tonfo]

Apro gli occhi, sento la testa leggera come se avessi bevuto. Ho dei ricordi confusi e sovrapposti: una festa, un ballo, musica, del liquore. Ricordo anche uno spazio nero, vuoto, un’eternità di attesa. Ricordo rabbia, tanta rabbia.
Vedo delle pareti intorno a me, sembrano distanti, strane, anche se appaiono come mura di mattoni. Vi sono delle coppe di ferro che gettano fumo, sento l’odore del rosmarino.

La sua voce mi arriva da dietro, non riesco a voltarmi, mi ricordo di lui in maniera strana, come se lo vedessi da tanti punti di vista differenti. Vedo con la coda dell’occhio un corpo di donna di fianco a me sul pavimento bianco e nero.

“La vostra potenza è infinita, immortalità vera, nel tempo e nello spazio. Più vi disperdete, più tornate, ma non è un problema per chi sa attendere, non è vero? Io colgo i segni del vostro arrivo e sono preparato. Ora che il cielo è divenuto grigio, ora che i mondi sono vicini, la Soglia è sottile, è facile per me sentirvi arrivare e preparare per voi dei vasi adeguati a contenervi.”

Sento una lama gelida sul collo…

[Piedi nudi sul pavimento, pioggia, porta a vetri, parole confuse: il cielo, oh, il cielo]

***

I nani di Tor'Harn - No Lands Comics

Buongiorno a tutti!
Oggi voglio parlarvi di un fumetto che mi ha ispirato molto alla Cartoomics di Marzo:


I nani di Tor'Harn

di No Lands Comics




Questa è la saga completa de "I nani di Tor'Harn" e raccoglie i tre volumi usciti insieme ad alcune pagine sull'ambientazione presenti solo in questo libro. 
La sinossi di cui scriverò sarà quindi varia e, per chi si approccia ai volumetti di questa saga, potrebbe contenere SPOILERS.

I nani di Tor'Harn, isola del magico e magnifico mondo di No Lands, stanno soffrendo.
Il gelo infatti sta reclamando molte vittime e pure le Gemme della Vita che un tempo lo tenevano a bada non riescono più nel loro compito.
Per affrontare la crisi il Thane dei Nani dei Ghiacci, Gartung Ironhead, incarica Thabolt Strongfist, capo degli esploratori, di andare a cercare il Kol'Tuatha, il Portale dimenticato dell'Orrido Nero, forse la loro unica speranza di salvezza in grado di farli fuggire da quelle che sono le loro terre. 

giovedì 25 maggio 2017

Rebel's Identity - Irwing Phan

Buongiorno a tutti lettori cari!
Oggi recensisco per voi un fumetto italiano:


Rebel's Identity

di Irwing Phan




Il fumetto in questione segue le avventure di Sheila, una ragazza che ha perso i genitori e il fratello, o almeno così ci è dato intendere nel primo volume, quando aveva dodici anni. In seguito a essere stata colpita da un masso perde la memoria.
Al presente questa ragazza ha vent'anni ed è diventata una dei leader di un gruppo di ribelli a un governo autoritario.
Sheila però non è una ragazza normale, ha delle capacità soprannaturali che non si sa da dove provengano, per questo è in cerca della sua vera identità.

mercoledì 24 maggio 2017

Freccia danzante - Motomi Kyousuke

Buongiorno a tutti e non vi preoccupate: questo è l'ultimo shoujo manga che recensisco per ora =D ma non perché mi sia passata la voglia di leggerli, bensì perché ho finito quelli a disposizione a casa =(
Oggi vi parlo di


Freccia Danzante

di Motomi Kyousuke




Intanto vorrei attirare la vostra attenzione sull'autrice... sempre la stessa perché oramai mi sono abituato al suo modo di disegnare e narrare le vicende, nonostante siano prevedibili e seguano un canovaccio abbastanza simile a se stesso meritano di essere lette per l'ironia e i messaggi che veicolano. 

In Freccia Danzante abbiamo una ex prima ballerina, Anna, che non può più ballare a causa di un grave problema al ginocchio sinistro. Jinnai, un amico di infanzia che la conosce bene, la sprona in vari modi, prendendola pure a male parole e facendosi menare in cambio, a provare e intraprendere la via del Kyudo, l'arte tradizionale giapponese del tiro con l'arco.
Tra discussioni e avventure questo one-shot raggiungerà un bel climax con avversari da battere e molto altro ancora.

martedì 23 maggio 2017

Beads Club - Motomi Kyousuke

Buongiorno a tutti! =)
Oggi vi parlo di un altro shoujo manga e, sì, sono in vena...
Questo è un volume stand alone che si legge tranquillamente in poco tempo.


Beads Club
Solo per uomini veri!

di Motomi Kyousuke




Ibuki Oikawa è una diciassettenne fuori dal comune: per dodici anni della sua vita ha praticato kung-fu ed è arrivata a conseguire il terzo dan. Da sempre un maschiaccio cambia scuola e decide di smettere con i suoi atteggiamenti poco femminili per cercare un vero Uomo Virile. 
Appena formulata la promessa la infrange subito: salva un cane che stava per essere investito utilizzando varie mosse e capriole, meno male che non l'ha vista nessun... ah, no, un ragazzo l'ha vista! Chi sarà questa persona? 
Nella scuola in cui arriva ci sono dicerie sul comitato studentesco che si narra sia formato da Uomini Veri, e, al contempo, ci sono molte affermazioni riguardo al Club delle Perline formato da persone molto strambe... e se i due fossero lo stesso gruppo?

Afrodite bacia tutti - Stefania Signorelli

Buon giorno a tutti, oggi vi presento un libro che ho avuto il piacere di leggere in anteprima e che sarà nelle librerie a partire da maggio,
Stefania Signorelli

Editore: Prospero
Genere: Narrativa
Data uscita: 26 maggio 2017
Pagine: 184
Prezzo: € 9,90
Ogni uomo contiene una stanza; una stanza chiusa... e che tale rimanga.

I guardiani dell'isola perduta - Stefano Santarsiere - Nuova Uscita

Buongiorno a tutti cari lettori!
Oggi vi segnalo un nuovo libro thriller della Newton Compton:


I guardiani dell'isola perduta

di Stefano Santarsiere




Una scossa improvvisa giunge nella vita di Charles Fort, giornalista appassionato di misteri. Il suo amico Luca Bonanni è morto in un incidente stradale e proprio lui viene convocato dalle autorità per riconoscerne il corpo. Ma le sorprese che lo attendono non sono poche: la compagna di Bonanni, Selena, sospetta un’altra causa di morte e lo contatta per chiedergli aiuto. Ha con sé una valigia lasciata dall’uomo piena di oggetti provenienti da relitti inabissatisi nel Pacifico e che nessuno, in teoria, potrebbe aver recuperato.
Le domande sono tante: cosa lega il contenuto della valigia alle ultime ricerche di Bonanni? Da cosa dipendevano i suoi timori negli ultimi giorni prima dell’incidente? E soprattutto, chi o cosa sono gli hermanos del mar che cercava lungo le coste messicane e poi nell’arcipelago delle Fiji? Per risolvere i tanti misteri, Charles Fort e Selena si spingeranno dall’altra parte del mondo, trovandosi alle soglie di una scoperta scioccante che unisce le ipotesi sull’esistenza di misteriose creature degli oceani agli affari di una spietata multinazionale…


lunedì 22 maggio 2017

Beast Master - Motomi Kyousuke

Buongiorno!
Ebbene sì, oggi vi stupisco con la recensione di un manga Shoujo!
E, per chi non lo sapesse, shoujo vuol dire un fumetto giapponese adatto a un pubblico femminile.
Però, in quest'ambito, posso dire che anch'io, con la mia sensibilità, potrei diventarne un gran lettore, ma al momento mi trattengo a leggere le produzioni di Kyousuke Motomi, una delle mie mangaka preferite.
Oggi vi parlo di:


Beast Master

di Kyousuke Motomi




Beast master è uno shoujo manga in due volumi. 
La caratteristica di questa artista è la sua capacità di raccontare storie d'amore con trame e sviluppi molto divertenti e ironici. Anche se una persona sa come andrà a finire il manga, è uno shoujo e, come per le commedie rosa, hanno solitamente dei finali felici, ciò non toglie nulla al piacere che uno prova nel leggerlo. 

La storia parla di Yuiko Kubozuka, una ragazza di 17 anni, che ama tutti gli animali che la odiano di rimando e di Aoi Leo, un 18nne animalesco perché vissuto in ambienti selvaggi, che è amato dagli animali ma di cui tutte le persone hanno paura a causa della sua faccia.
Le vicende verteranno sull'inserimento in classe di Leo e nel suo inserimento sociale, traguardi conseguiti anche grazie a Yuiko. Naturalmente l'amore sboccerà tra i due ma il passato di Leo metterà i bastoni tra le ruote alla loro storia. 

giovedì 18 maggio 2017

La Morte Velata - Capitolo 8 - Valentino Eugeni

Bentrovati lettori!
Eccoci al nuovo capitolo del Romanzo a Puntate di Valentino Eugeni, vi lascio il link al Capitolo 1 se qualcuno non lo avesse letto.
E vi lascio il link alla pagina dell'autore: Valentino Eugeni
La Morte Velata, Capitolo 8

[Pianto sommesso, parole confuse: non voglio, sono stanca, sono stanca.]

Sono persa nel vuoto, cado nel nulla, non riesco a capire. Ogni istante che passa divento sempre più leggera, più evanescente, non sento più il mio corpo, né il sangue sul petto, né la gola squarciata.

Sento una voce distante, esultante, ma non capisco da dove provenga. Ho l’immagine si un uomo con le mani luminose, una luce rossa, una luce bianca.

“Ecco, la Grande Opera è compiuta, il piombo è tramutato in oro. Reggo il cuore del Drago Alato, Zolfo, principio volatile. Reggo il cuore del Drago di Terra, Argento Vivo, principio materico. Ecco io divento Oro Vivente.”

[Respiro lento e profondo, dorme?]

***

Separati - Spettacolo Teatrale al Martinitt

“Separati”: un unico marchio per storie diverse. Si scrive single, si legge solo. Anche in compagnia.

Ultimo spettacolo di stagione e ultimo sguardo sulle coppie al Martinitt. Dopo le coppie stanche e quelle di fatto, tocca ora a quelle che son scoppiate. O meglio ai cocci che ne son rimasti. Chi si separa non torna single, resta solo e neppure la vicinanza di chi condivide lo stesso dramma sembra poter ricomporre le crepe. In scena dal 18 maggio al 4 giugno.

Separati



E’ il dramma dei nostri giorni. Sempre più coppie scoppiano e aumentano i separati. Ciononostante non migliorano le condizioni di single di ritorno che si ritrovano soli e incapaci di gestire una rinnovata autonomia, non diventa meno difficoltosa e frustrante la vita dei padri separati. La circostanza si fa più diffusa ma il mal comune non porta alcun gaudio. I separati fanno cerchio o si incontrano per caso, si riconoscono al volo eppure l’amicizia un po’ triste se non squallida che nasce dalla condivisione non sa lenire le ferite. La solitudine dei di-nuovo-single è una solitudine dell’anima prima ancora che fisica. Lo si respira chiaramente in questa commedia “metafisica” che porta in scena vite diverse ma tutte ugualmente ferme, rimaste immobili al momento della separazione. La scenografia di scatoloni chiusi in fretta e mai riaperti è la metafora di persone e personalità irrisolte. Uno spettacolo divertente seppure amaro perché tra battute al vetriolo e provocazioni aleggia la paura di rimettersi in gioco anche quando la vita ti offre una seconda occasione…

mercoledì 17 maggio 2017

Margot - Monika M, Nuova Uscita

Buon pomeriggio cari lettori! =)
Riprendono le segnalazioni di libri... oggi con noi abbiamo Monika e il suo nuovo libro:


Margot

di Monika M





Sinossi:

Margot nasce nella Baviera del 1600 scossa dall'Inquisizione. Più volte l'accusa di eresia sfiorerà la sua giovane vita, ma mai la paura l'avrà vinta sul suo temperamento ribelle. Se esser libere rende le donne streghe lei rivendica per sé questa condizione! Ostinata lotterà per la sua indipendenza ed ancor più per il suo unico amore.

lunedì 15 maggio 2017

Un Viaggio nella Terra di Mezzo - Resoconto

Buongiorno a tutti!
Ieri, una bellissima giornata primaverile, sono stato al castello di Galliate per un bellissimo appuntamento arrivato alla seconda edizione:


Un Viaggio nella Terra di Mezzo




Intanto vorrei ricordare l'evento dell'anno scorso, che si è svolto nel broletto di Novara, in pieno centro città, in una giornata piovosa e che certo non invogliava le persone ad andare all'evento, nonostante ciò c'erano moltissime persone ma poche cose da vedere, organizzazione un filo da sistemare.

sabato 13 maggio 2017

Il Gran Finale dell'Intervista al Nabbo della Famiglia Nerd!

Bentrovato Simone spero tu sia pronto per l’ultima giornata di terzo grado!
Logo frutto del lavoro di gruppo
(Nabbo; MadMadison; Barbart)

Iniziamo subito parlando della tua pagina:

Come è nato The Nerd’s Family e perché?

  • è nata per caso, inizialmente volevamo aprire un canele YT poi per una serie di strani motivi siamo nati come pagina. È difficile risalire al perché, diciamo che l’idea era di costruire un qualcosa che per tutti fosse considerabile un luogo sicuro, una famiglia. Sicuramente la mia vita da nerd, nascosta fino a quando non ho aperto la pagina, è stata fondamentale, tuttavia credo che merito vada anche ad altre pagine che ci hanno ispirato, tra tutte direi “Orgoglio Nerd”.


Pensi di essere riuscito a adempiere gli obiettivi che ti eri posto quando l’hai aperta? 

  • Molti obiettivi sono stati raggiunti, altri sono in fase di raggiungimento e molti altri devono ancora essere pensati e raggiunti. Ho in mente sempre una frase quando penso alla mia pagina “Migliora finché i tuoi idoli non diventano i tuoi rivali o tuoi fratelli”.

venerdì 12 maggio 2017

La Morte Velata - Capitolo 7 - Valentino Eugeni

Bentrovati lettori!
Eccoci al nuovo capitolo del Romanzo a Puntate di Valentino Eugeni, vi lascio il link al Capitolo 1 se qualcuno non lo avesse letto.
E vi lascio il link alla pagina dell'autore: Valentino Eugeni
La Morte Velata, Capitolo 7

[Respiro sempre più basso e lento]

L’uomo vestito con una tunica nera si avvicina. Ha in mano un sottile coltello dal quale gronda sangue rosso. Mi fa paura, mi fa rabbia, ma non posso muovermi, sono confusa, sono incapace di articolare i pensieri. C’è qualcosa in me, qualcosa di enorme, mi spaventa e mi affascina allo stesso tempo.

“Abbiamo compiuto la Trasmutazione al Bianco.” Dice l’uomo passandomi davanti. Non capisco dove mi trovo, è come se fossimo sotto un cielo stellato immenso. L’uomo ha gli occhi azzurri, sorride, indossa una sorta di parrucca bianca. Guarda la sua mano sinistra, è illuminata come se reggesse una piccola stella.

“Ora eseguiremo la Trasmutazione al Rosso.” Sussurra e si china su di me. Guardandomi fisso negli occhi passa la lama sulla mia gola. Apro la bocca, il sangue cola sulla mia tunica bianca, sento il calore sul petto nudo.

[Grido acuto, colpi su legno, respiro affannoso]

Intervista al Nabbo della Famiglia Nerd - Parte 3

Bentornato Simone di The Nerd’s Family!  
Oggi tratteremo di videogiochi e di cinema/serie tv. 

Partiamo subito con le domande:

Console o pc?

  • Console tutta la vita, non so nulla di giochi da Pc.


Che genere di videogiochi ti piacciono? Preferisci i single player o i multiplayer?

  • Per valutare un videogioco uso lo stesso metodo che uso per i libri, ovvero la coerenza. Un videogioco è nato per intrattenere principalmente per la sua storia? Si, molto bene. Riesce a farlo? Si, ottimo allora è un buon gioco.
    In Generale preferisco i single Player da giocare se hanno una bella storia, i multiplayer solo con amici altrimenti non hanno senso per me.

giovedì 11 maggio 2017

Intervista al Nabbo della Porta Accanto - Parte 2

Bentrovato Simone di The Nerd’s Family

Dopo aver parlato di te e dei tuoi progetti per il futuro vorrei fare una chiacchierata con te sui libri e fumetti.


Innanzitutto mi sembri un avido lettore. Cosa leggi? 

  • Ho il problema di leggere tutto, anche le peggio schifezze! Leggo romanzi, saggi, fumetti e anche manuali di gdr!


Come pensi sia vista la lettura nel panorama culturale italiano? 

  • Purtroppo il numero dei lettori in italia è molto basso, leggere è anche uno sforzo e non tutti riescono a trovare il tempo o la voglia per farlo. Penso che spesso sia vista come una perdita di tempo, ma dipende molto dal tipo di lettura. Esempio: se dici che leggi i classici allora sarai considerato un saggio, se leggi i fumetti sei un bambinone, ma allo stesso tempo se leggi volumi di filosofia spesso ti sentirai rispondere: “ma a cosa serve quella roba lì? Impara un mestiere!”. Ovviamente questo dipende anche dal tipo di interlocutore con cui ci si relaziona.

mercoledì 10 maggio 2017

Intervista a Simone, il Nabbo di Nerd's Family - Parte 1

Buongiorno a tutti lettori!
Oggi iniziamo una serie di interviste con Simone, alias “Il nabbo della porta accanto” della pagina The Nerd’s Family

Visto le sue competenze abbiamo concordato di dividere l’intervista in 4 con temi differenti per ognuna: 

Oggi parleremo della sua vita e della cultura in cui viviamo.
Nelle altre giornate invece parleremo di: Libri e fumetti; Videogiochi; Social.


Benvenuto Simone! O preferisci che ti chiami Nabbo della porta accanto? O ancora Maestro Agoroth (da un GDR che frequentiamo entrambi). 
Innanzitutto parlaci di te, chi è il nabbo nella vita reale?

  • Ciao! Nabbo va benissimo grazie, chi sono io nella vita reale? Penso di essere una persona con molte, anzi troppe passione, un ragazzo di 23 anni che vive in Brianza.


Tu studi lettere, come pensi che il tuo percorso di studi sia visto dalle altre persone?

  • Spesso gli studi umanistici vengono denigrati perché vengono ritenuti inutili o più facili, credo che dietro a questa visione ci sia una grande ignoranza.  Vedi, le facoltà scientifiche sono molto difficili e molto preziose perché permettono di salvare vite, io credo che le facoltà umanistiche abbiamo il compito di dare un senso a queste vite, un compito molto difficile e che spesso non si riesce a portare a termine.

martedì 9 maggio 2017

Luce e Tenebre: Equilibri - Mariano Lodato

Buon giorno cari lettori, sono tornata con un nuovo consiglio di lettura per voi, vi presento il romanzo di:

Mariano Lodato

Luce e Tenebre: Equilibri 

Titolo: Equilibri
Autore: Mariano Lodato
Serie: Luce e Tenebre #1
Editore: CreateSpace I.P.P
Data di pubblicazione: 29 Aprile 2015 (II edizione)
Lingua: italiano
Pagine: 320
Cartaceo: 10,00 €
E-Book: 2,99 €


Tutti gli uomini dovrebbero imparare ad accettare le idee diverse 
dalle proprie. Dovreste imparare ad aprirvi a esse e trovare la giusta 

connessione con quello in cui credete da sempre. Dovreste unirvi per 

cercare, come in un puzzle, gli incastri tra i vari pezzi che possedete 

separatamente. Dovreste riuscire a trovare la forza per collaborare in 

tal senso, persino con chi considerate vostro nemico. Soprattutto, 

però, dovreste riuscire a resistere alle trappole che le Tenebre vi 
tendono giorno per giorno.

lunedì 8 maggio 2017

L'occhio dell'airone - Ursula K. Le Guin

Buongiorno a tutti!
Oggi, cari lettori, vorrei parlarvi di un libro particolare in cui è difficile stabilire esattamente chi sia il protagonista.

L'occhio dell'airone

di Ursula K. Le Guin




Come dicevo, in questo libro è difficile parlare di protagonisti. Si può pensare a Luz e Lev ma a mio parere i protagonisti di questo libro in realtà sono le idee e gli ideali del Popolo della Pace.
Partiamo dal principio: abbiamo un mondo dove è presente una città e un villaggio.
I due sono stati fondati in periodi diversi: prima di tutto è stata fondata la città a opera di criminali e dissidenti della Terra, esiliati su un altro pianeta tramite alcune navicelle spaziali utili per un viaggio di sola andata; solo in un secondo momento sono stati raggiunti da una parte del Popolo della Pace che la Terra non riusciva a contenere, attraverso l'ultima navicella costruita.
La storia viene vista principalmente attraverso gli occhi di personaggi appartenente al Popolo che, fedeli ai loro principi, vogliono instaurare una collaborazione e degli scambi migliori tra Paese e Città.
In questo ambiente un gruppo di giovani è andato a esplorare questo mondo, per gran parte sconosciuto.
Distante, lontano a nord-est, hanno trovato una valle stupenda, protetta da catene montuose interminabili, quasi un paradiso.
Quello che vorrebbero gli abitanti del villaggio è mettersi insieme, villaggio e città, che da sempre sono divisi e con mansioni e ruoli differenti, per creare una nuova colonia in questa stupenda valle.
La città, abitata da persone forti, politici corrotti, malfattori e altri della loro risma, non accetta e, anzi, obbliga gli abitanti del villaggio a lavorare a un nuovo progetto non discusso.
Il Popolo decide di rifiutarsi di lavorare e scappa, il tutto sempre non violentemente e mantenendo fede ai suoi principi ma a un certo punto la situazione crolla.

sabato 6 maggio 2017

Intervista a Roberto Saguatti

Buongiorno a tutti!

Oggi è con noi Roberto Saguatti, autore di Stoneland, saga in due volumi di cui ho letto e recensito il primo qui: I signori del vento e del fuoco

Benvenuto Roberto, parlaci di te:

  • La carta d’identità dice che ho 38 anni ma non gli credo, secondo me bara. Sono sposato e ho tre fantastici bimbi. Vivo e lavoro in provincia di Bologna a San Giovanni in Persiceto. Per passione scrivo romanzi fantasy e leggo tanto recensendo le opere sul mio sito www.animadidrago.it


Cosa ti ha portato a scrivere e da dove prendi spunti per i tuoi libri?
  • Vengo dai giochi di ruolo dove facevo il Master, quando il mio gruppo si è sciolto non ho smesso di elaborare storie e per gioco ho iniziato a scrivere. Non mi sono più fermato imparando sulla mia pelle la differenza fra raccontare una storia a voce e scrivere un romanzo. Per far nascere un libro penso sia fondamentale l’idea di base, senza quella non riesco a scrivere nulla. Dall’idea poi nascono i personaggi e l’ambientazione ma non il contrario. Per Stoneland è stato un caso. Ero a una fiera con mia moglie, ci siamo fermati a una bancarella che vendeva ciondoli con incastonate pietre e per ogni pietra v’era il relativo biglietto con le proprietà “terapeutiche”. Il passo successivo è stato esasperare il concetto e pensare alle conseguenze della possibilità che i “poteri” delle pietre fossero reali e tangibili per ogni persona.

venerdì 5 maggio 2017

La Morte Velata - Capitolo 6 - Valentino Eugeni

Bentrovati lettori!
Eccoci al nuovo capitolo del Romanzo a Puntate di Valentino Eugeni, vi lascio il link al Capitolo 1 se qualcuno non lo avesse letto.
E vi lascio il link alla pagina dell'autore: Valentino Eugeni
La Morte Velata, Capitolo 6

[Click, qualcosa che batte sul legno. Dita che tamburellano?]

“Sorella mia, nei Reami del Tempo ogni azione deriva da un contrasto, dalla continua alternanza degli opposti. Il continuo desiderio di conflitto deriva da questa legge fondamentale. Tutto, nell’Onda, è influenzato e influenza il resto. Come le onde in un lago, come le onde in un lago, come le onde in un lago…”

[continua per cinque minuti]

“Il problema non è l’assenza di libertà, ma l’esatto contrario. Le nostre onde sono disperse nel vuoto, risuonano ma sono deboli. Sorella mia, dobbiamo aspettare il momento giusto. Possiamo compiere solo piccoli passi verso la libertà.”

[Urto, pianto]

***

Sergio Gregori scende dalla macchina imprecando.
La vecchia Alfetta rossa, tirata a lucido, comincia a perdere un po’ del suo rosso fiammante, ma ancora spicca tra le piccole utilitarie scure parcheggiate sotto agli alberi scheletrici di corso Turati.

Non ha trovato un parcheggio vicino all’ospedale, deve farsi un bel pezzo a piedi. A quell’ora c’è sempre confusione ma non è emblema di vitalità, di attività produttiva, è un via vai trascinato, una stanca ripetizione del cosiddetto necessario. La gente esce dai negozi, dalle auto, dai sottopassi, staccando a stento i piedi da terra. Sono tutti vecchi, sono tutti già decrepiti: donne, bambini, giovani con lo zaino. Tutti già morti, tutti bagnati, con la pioggia sporca  che ormai è penetrata fin nelle ossa, e le ha rese deboli, ha ucciso i muscoli.

I cento ritratti - di Francesco Montori, Nuova Uscita

Buongiorno lettori cari!
So di essere stato un poco assente, e me ne scuso, ma a breve tornerò con tante recensioni, settimane
a tema e molte altre sorprese!
Oggi vi segnalo l'uscita di una nuova antologia:


I cento ritratti

di Francesco Montori




Sinossi

I cento ritratti siamo noi: le persone. Colte in momenti comuni o paradossali, ma sempre carichi di elettricità umana, sia nella rinuncia che nella rivolta.
Sono presenti la frustrazione, le dipendenze, il lavoro, la follia, il sesso, il timbro di una resa e l’ironia per abbatterla; ci sono le domande attorno a un suicidio, un 18 preso all’università, un incontro del terzo tipo, la lista di una persona che assomiglia, il rapporto con degli occhiali da vista, e molto altro ancora della commedia umana.
Ogni ritratto inizia con un nome, come trasfigurazione letteraria di un dipinto su tela, mentre la brevità ne è la cornice.
Nella galleria, sono presenti anche animali e oggetti, e i rapporti che le persone intrecciano con ognuno di essi nel quotidiano.
Sono immagini rese statiche o in movimento grazie alle parole, con tutto ciò che di implicito e nascosto si trova al loro interno.
Ogni tela di un dipinto, infatti, è tessuta con una trama, molto più vasta e sottile di ciò che si pensi.