lunedì 30 novembre 2015

The Order of Guardians: L'Ombra del Male - Marco Ternavasio - Segnalazione Nuova Uscita

Buongiorno a tutti!
Oggi vi segnalo un nuovo libro fantasy della Inspired Digital Publishing:


The Order of Guardians: L'Ombra del Male

di Marco Ternavasio




The Order of Guardians - L’Ombra del Male narra la storia dei Guardiani dell’Ordine del Grande Tempio custodi della pace nella Terra dei Quattro Venti un mondo, che nel corso dei secoli, è stato scosso da profondi conflitti generati da terribili creature. Un romanzo fantasy puro degno delle tanto amate saghe “vecchio stile” dove i protagonisti si ritrovano ad affrontare un serie incessante di eventi che li costringeranno a mettere in dubbio lo stesso concetto di bene e male.
Marco Ternavasio, con il suo stile narrativo che alterna storia presente a ripetuti flashback, l’attenta creazione di un mondo in cui il bene ed il male non sempre corrispondono a quello che ci si aspetta e la sua caratterizzazione dei personaggi che suscita un costante vortice di emozioni, cattura il lettore che si ritrova trascinato e catapultato emotivamente in questo universo in costante evoluzione, dove condivide gioie e dolori con i protagonisti. L’autore sfrutta al massimo la sua ottima capacità di creare intrighi e colpi di scena che mantengono l’attenzione del lettore sempre viva.

Sinossi

Un antico Ordine combatte nell’ombra per garantire la stabilità degli equilibri di pace nella Terra dei Quattro Venti. I suoi membri, i Guardiani di Nayset, capaci di azioni così strabilianti da essere considerati delle vere e proprie leggende, sono rafforzati da un potere che scaturisce da un antico male, sepolto nelle Terre Dimenticate: un mondo dove il dolore e l’odio della prima civiltà erano stati confinati millenni or sono.
Hastan, uno dei più forti Guardiani dell’Ordine del Grande Tempio di Nayset, affronterà un avversario sepolto nel passato della storia degli uomini, ma le sue fatiche saranno aggravate dal tradimento di uno dei suoi più cari amici, che si rivolterà contro l’Ordine stesso, dando inizio ad una guerra di proporzioni gigantesche, la più grande che le genti libere della Terra dei Quattro Venti abbiano mai visto.
Toccherà alla prole di Hastan continuare la lotta contro quel nemico, così insidioso, che minaccia di distruggere le fondamenta stesse del mondo.
I Guardiani, guidati dal Gran Maestro, dovranno combattere la più grande sfida che abbiano mai affrontato, ma un male ancora più oscuro sta tessendo i suoi fili nell’oscurità...un male che, molto presto, farà vedere il suo volto alle genti libere della Terra dei Quattro Venti.


Biografia

Marco Ternavasio nasce a Savigliano l'8 maggio del 1991. Ha abitato nella stessa città sino a 19 anni prima di allontanarsi per motivi di lavoro. Ha raggiunto il traguardo del Diploma di Maturità nel 2010, conseguito presso l'Istituto Tecnico per Geometri "M. Eula" di Savigliano. Oltre allo studio, si dedica allo sport, praticando arti marziali di vario tipo e normale attività fisica in palestra. Le sue passioni sono diverse: viaggiare (apprendendo cose nuove a ogni occasione), organizzare gite e giri in moto con gli amici, mantenersi in allenamento ed in particolare leggere libri fantasy, thriller e di avventura. E' stata proprio questa sua passione per la lettura a suscitare in lui la curiosità per il mondo della scrittura.
Ha cominciato a scrivere le prime pagine del libro L’ombra del Male all’incirca due anni fa, riprendendo un vecchio lavoro che aveva iniziato (insieme ad altri amici) all’età di sedici anni, ma mai arrivato a un’evoluzione consistente. L’intera saga di The Order of Guardians è nata grazie ad un complesso lavoro di fantasia nel quale è stato supportato dal suo amico Gianluca Calabrese. Dopo molto impegno e tante notti insonni il risultato è stato il primo libro L’Ombra del Male.
Per riuscire a realizzare questo lavoro, nel suo tempo libero si è dedicato alla lettura di numerosi libri fantasy, di avventura e azione, soffermandosi su quegli autori che utilizzavano uno stile che si avvicinasse il più possibile ai suoi gusti e apprendendo, il loro modo di scrivere e di creare quei mondi nei quali la mente spazia durante la lettura. La realizzazione di quest’opera letteraria è stato anche un modo personale di affrontare un periodo un po’ particolare della sua vita, costruendo una realtà fantasy che si è concretizzata poi in The Order of Guardians. La scrittura è stata, in un certo modo, la sua “ancora”.
L’idea originale non prevedeva una pubblicazione e diffusione di questo manoscritto, poiché era il frutto di un suo hobby, ma quando alcuni amici e parenti sono stati incuriositi da questa passione, gli hanno consigliato di provare a pensare di diffonderlo. Si sono adoperati leggendo la storia e fornendogli vari suggerimenti e spunti per migliorarla manifestando il loro costante entusiasmo per l’opera e per quanto The Order of Guardian riuscisse a coinvolgere e a trasportare il lettore nel suo universo fantasy.


Links:


Pagina facebook libro: The Order of Guardians



Prologo:


Kuranor


 La pioggia continuava a cadergli addosso come uno stormo di aculei che alimentavano il suo dolore.
Aveva fatto di tutto per portarla in salvo, ma quando riuscì a trovarla, dopo giorni e giorni di ricerche, lei non era più la donna che aveva conosciuto: era cambiata, plasmata dal male che ne aveva divorato l’anima.
Il guerriero dovette spingersi a compiere un gesto che lo avrebbe tormentato per sempre, un’azione così estrema, quanto necessaria: il suo spirito non avrebbe mai più ritrovato la pace.
Era in ginocchio, di fronte al tempio diroccato che, in un tempo non troppo lontano, era stato la casa dei servitori degli Dei. L’uomo, con gli abiti inzuppati di acqua e di sangue, non riuscì a trattenere il dolore causato dall’assassinio che fu costretto a commettere.
Lentamente, chiuse le palpebre della donna, ancora sbarrate dalla morte che era piombata su di lei.
«Dei, perché mi avete abbandonato?! Ho dedicato la mia vita a combattere affinché gli uomini potessero vivere in pace e voi…mi avete fatto questo?!» disse il guerriero, con un filo di voce. La sua amata aveva riassunto sembianze umane, tornando a essere bella, anche nella morte.
Uccidendola, il guerriero aveva distrutto la Scintilla oscura che si era impossessata dell’anima della donna, che ora giaceva di fronte a lui, priva di vita.
Con un ultimo, doloroso sforzo, l’uomo strinse a sé il cadavere della sua amata, cercando di trovare un po’ di sollievo da quella sofferenza incolmabile, ma non riuscì a trattenere le lacrime. Aveva le mani ancora sporche di sangue e la spada, che aveva usato per uccidere quell’anima dannata, fuoriusciva dal petto della donna.
Con tutto il fiato che aveva in gola, il guerriero cacciò un urlo disperato rivolto al cielo. La sua voce riecheggiò per miglia nelle Terre Dimenticate, mentre la luna rossa brillava alta nella volta celeste.Gli occhi dell’uomo, un tempo eroe tra i mortali, cominciarono a cambiare, tramutandosi nello specchio di qualcosa di diverso dalla sua anima luminosa e giusta: stava diventando qualcosa di oscuro, come quando una stella viene coperta da un astro morente e privo di luce.
A poco a poco, le sue iridi iniziarono a riflettere la luna rossa, assumendone lo stesso colore e riempiendosi di odio e di rabbia.
Il mondo intorno a Kuranor, il più potente guerriero nella storia degli uomini, si fece buio, inghiottendolo in una spirale distruttiva dalla quale non avrebbe trovato più pace.


Nessun commento:

Posta un commento