mercoledì 16 settembre 2015

Intervista al Lettore: Elisabetta e Sergio

- Nome 



- Elisabetta




- Sergio

















- Chi sei?


E - Sono un chimico analitico di 38 anni, trasferita in Irlanda da un po’ 


S - Ho quasi 37 anni ed ho fatto il Liceo Artistico e vari corsi di grafica successivamente. In seguito ho fatto i lavori più disparati. Attualmente lavoro qualche ora come aiuto in una pizzeria del mio paesello.




- Grazie a chi e a quale libro avete scoperto la passione per la lettura e perché?


E - Il primo libro che ricordo è Cipì. Lo leggevamo in classe in prima elementare, un pezzo per volta. Io però ricordo che andai avanti a leggerlo a casa ;)

S - 
In casa da me non giravano molti libri, anzi sarebbe più corretto dire che non ne giravano affatto. Fortunatamente c'era (e c'è ancora) una piccola biblioteca vicino a casa. Io andavo a piedi verso i 7 anni e mi prendevo i libri di favole da leggere. Dopo un paio d'anni la bibliotecaria di allora mi propose un libro di Agatha Christie (verso l'ora zero) e da lì ho iniziato a leggere gialli. qualche anno dopo ho iniziato a leggere anche fantasy con la saga di dragonlance grazie ad un amico che me li prestava.



- Qual è il tuo genere preferito?


E - Non saprei definire un genere in particolare, cerco di spaziare molto fra generi. 

S - Fantasy e Giallo/Thriller



- Secondo te è giusto dividere i libri per genere?


E - 
Una divisione minima serve, ma a volte troppo netta è difficile anche da dare. Molti autori sono in grado di scrivere libri che possono toccare più generi.


S - 
Non saprei. In alcuni casi può aiutare, specialmente per qualcuno che si sta avvicinando da poco alla lettura... In altri casi può essere limitante in quanto alcuni libri appartengono a più generi...




- Autore con cui condivideresti un buon tè e due chiacchiere alle cinque del pomeriggio? Perché?


E - Alexander McCall Smith e Roddy Doyle. Intanto perché credo possano apprezzare un tè più di altri :P Poi perché i loro libri mi hanno davvero portato lontano, fatto ridere o emozionare.

S - Terry Goodkind (se fossi in grado di parlare inglese), perché La spada della verità mi è rimasta nel cuore...



- Personaggio letterario con cui passeresti una giornata? Perché?



E - Elizabeth Bennett di Orgoglio e pregiudizio per la sua ironia e simpatia.

S - Kahlan Amnell. Sarebbe fighissimo vedere una Madre Depositaria al lavoro...



- In media quanti libri leggi all'anno?




E - una quarantina

S - Dipende dal tempo che ho è dalla lunghezza dei libri... Vado da un minimo di 8 a un massimo di 25.



- Che libri scarti a priori in una libreria? (Anche del genere che leggi)


E - Non sono attratta da letteratura erotica e fantascienza ma… mai dire mai ;)

S - I saggi... Mi annoiano molto...



- Quale trasposizione cinematografica trovi più riuscita? Quale meno? Perché? 


E - Non sono una grande appassionata di film ;) 

S - Il signore degli anelli come trasposizione mi è piaciuta moltissimo nonostante non sia superfedele. È bellissima la scenografia, la resa della terra di mezzo e dei personaggi. Eragorn invece l'ho trovato orrendo. L'unica cosa che mi è piaciuta e Saphira...



- Leggi ebooks? Cosa pensi di questo formato?




E - Sì, li trovo molto comodi; soprattutto da quando vivo all’estero, se voglio staccare dai libri in inglese posso acquistare ebook in italiano.

S - Ora leggo quasi esclusivamente ebooks. Li trovo comodissimi. Oltretutto leggendo quasi esclusivamente prima di andare a dormire mio marito ringrazia molto. Prima leggevo con l'abat jour accesa e lui mi odiava un po'... ora con la lucina del Kindle accesa non mi odia più...



- Partecipi a fiere sui libri? Pensi siano stimolanti per i non lettori?




E - Non ci sono stata spesso. Sicuramente è un buon metodo per pubblicizzare qualcosa, ma considerato il potere della rete, è molto semplice anche scorrere le sinossi dei libri online. 

S - Non partecipo spesso alle fiere sui libri e quindi non posso rispondere correttamente a questa domanda...



- Ti fideresti a lasciare un mercato largamente preferito come quello delle grandi CE per buttarti in uno più di nicchia come CE piccole o autori self?


E - Leggo anche libri di autori emergenti e non ancora “famosi” senza alcun problema. Non sempre una grande CE è garanzia di un buon libro.

S - A volte ho letto libri autoprodotti e non mi sono spiaciuti affatto... Ma perché lasciare un mercato per un altro? I due possono convivere...



 Cosa pensi dei self (autori auto pubblicati)? 



E - Considerato il panorama editoriale, so che a volte è difficile vedere il proprio libro pubblicato. Il self, a mio parere, ha il difetto che l’editing a volte non è curato (o è del tutto mancante) e questo può essere deleterio per un romanzo.

S - Se aiuta la creatività nella divulgazione perché no?




- Cosa si potrebbe fare per avvicinare dei non lettori alla lettura? Soprattutto da bambini.


E - Ho affrontato spesso questo argomento. Credo che lettori un po’ si nasca, quindi avvicinarsi la lettura è un processo naturale. Per me, comunque, essenziale è stata la presenza di una biblioteca ben fornita (pur essendo cresciuta in un paese piccolo, la biblioteca è sempre stato un luogo magico)

S - Non ho la risposta perfetta ma credo che bisognerebbe avere una mente più aperta possibile con loro e quando iniziano a leggere qualunque cosa lasciare che facciano la loro scelta sul genere senza giudicare, anzi incoraggiandoli.



- Quando devi scegliere un libro vai a cercare le recensioni altrui? Pensi che siano utili?


E - Faccio parte di alcuni gruppi per appassionati di libri dove vengono spesso scambiate opinioni sui libri e postate recensioni. Dopo un po’ di tempo, mi sono fatta un’idea di quali siano le persone con cui ho più feeling a livello di letture e mi piace leggere le loro recensioni. Però è importante anche la sinossi per capire se il libro potrebbe interessarmi.

S - In genere leggo la trama è magari chiedo un'opinione ad altri lettori che conosco... Le recensioni cerco di non leggerle. Mi confondono più che altro perché ognuno di noi è diverso con opinioni diverse...



- Ti informi sugli autori che leggi? Ti interesserebbe leggere loro interviste?


E - Le leggo se capita, così come se ne ho la possibilità partecipo a qualche incontro con i lettori. Però non è fondamentale. 

S - A volte sì, ma non la ritengo una cosa fondamentale...
 



- Che cosa ti attira in un libro? A cosa dai più importanza?




E - La trama direi. Mi piace passare del tempo in libreria leggendo le trame prima di scegliere :)

S - Alla trama e al carattere dei personaggi...




Cosa in due libri dello stesso genere ti fa propendere per uno dei due?




E - Probabilmente, se uno dei due autori lo conosco, propendo per quest’ultimo ;)

S - La trama sul retro...




- Che rapporto hai con le librerie? Le vedi più come una zona self-service o chiedi anche consigli e pareri?


E - Preferisco gironzolare per conto mio, anche se mi piacciono molto le librerie in cui i librai scrivono le recensioni su un foglietto accanto al libro.

S - Mi piace molto entrarci ma non chiedo mai un parere al proprietario o ai commessi...



- Quando compri un libro ti fa timore comprarlo su internet a scatola chiusa? (Parlo di editori e libri che non hanno la possibilità di fare l'anteprima come amazon)



E - Ho sempre la necessità di leggere almeno la trama. 

S - Preferisco sempre avere informazioni prima di comprare su internet.



- Cosa pensi del bookcrossing?



E - 
Sono iscritta al Bookcrossing da più di 11 anni ormai. Oltre ad aver conosciuto persone fantastiche ed aver allargato i miei gusti letterari, il Bookcrossing mi ha insegnato che un libro in quanto tale è un oggetto che contiene emozioni. Possiamo tenere le emozioni, ma lasciando l’oggetto disponibile per qualcun altro, permetteremo alle emozioni di viaggiare :)


S - L'idea è fighissima. E chissà che non avvicini qualcuno in più alla lettura...




L'intervista è finita, cosa ne pensate cari lettori?
Volete partecipare anche voi? Scriveteci! 

Nessun commento:

Posta un commento