mercoledì 3 giugno 2015

Intervista al Lettore: Giordano e Lucrezia

- Nome 


- Giordano




- Lucrezia


(Purtroppo oggi niente foto =( )




- Chi sei?


G - Un attore, forse.


L - Sono una diciottenne lunatica, tranquilla, un po' asociale e tremendamente curiosa, fissata con libri e cucina (ho il pollice bianco di farina io ahah). Spero di maturarmi al Liceo Classico quest'anno e poi iniziare a settembre l'università...anche se non ho ancora la più pallida idea di che facoltà scegliere (a proposito qualche consiglio? :P).



- Grazie a chi e a quale libro avete scoperto la passione per la lettura e perché?


G - il mitico harry potter!

L - 
Bella domanda...leggo da quando avevo cinque anni, quindi decisamente non ricordo. Sono circondata dai libri da sempre e penso sia stato inevitabile il mio avvicinamento a loro, anche se devo dire di non essere stata indirizzata da nessuno.



- Qual è il tuo genere preferito?


G - fantasy, ma amo molto anche la fantascienza.

L - Classici? Classici contemporanei? Storici? Saghe familiari? Ma come faccio a decidere?



- Secondo te è giusto dividere i libri per genere?


G - 
Penso che una generica suddivisione sia sempre necessaria anche se ultimamente i generi cominciano a mescolarsi sempre di più. È comodo per far avere al lettore punti di riferimento.


L - 
Ma penso sia abbastanza necessario, ci vuole un minimo di ordine anche se spesso i generi vanno intersecandosi tra loro..




- Autore con cui condivideresti un buon tè e due chiacchiere alle cinque del pomeriggio? Perché?


G - Terry Pratchett

L - Se qualcuno riuscisse a resuscitarmi Victor Hugo...è il mio mito, un uomo intelligentissimo e dalla mentalità estremamente aperta per la sua epoca.



- Personaggio letterario con cui passeresti una giornata? Perché?


G - Morte sempre dai libri di Pratchett

L - Quella straordinaria donna di Jane Eyre, il suo coraggio, la sua fermezza e la sua dignità mi hanno incantato. L'ho amata.



- In media quanti libri leggi all'anno?


G - in media una ventina, ma alcune sono riletture

L - Circa 80, ma ogni anno cerco di superarmi!



- Che libri scarti a priori in una libreria? (Anche del genere che leggi)


G - nessuno, è giusto dare una possibilità a tutto.

L - Quelli con la copertina che sembra uscita dalle fotonovelle che legge mia nonna...



- L'iniziativa dell'anno dei libri su facebook per te è utile?


G - No


L - Zero, soprattutto perché è in inglese ahah



- E l'iniziativa #ioleggoperché ? Sei un “messaggero”?


L - Secondo me sì, anche se dubito che un non lettore si possa far coinvolgere più di tanto da una cosa del genere...penso sia più un'iniziativa per i lettori. Sono una felice messaggera e non vedo l'ora che arrivi il 23 aprile.



- Partecipi a fiere sui libri? Pensi siano stimolanti per i non lettori?


G - Non molto spesso ma penso che se una persona trova il libro giusto allora sarà sicuramente stimolata a leggere di più e le fiere sono occasioni per trovarlo

L - Ci provo, quelle che sono raggiungibili per una non motorizzata come me, le visito tutte. Purtroppo non sarò alla fiera dei libri di Torino, ma mi scatenerò a quella di Milano del Libro usato. Comunque sono più fiere per chi é già dell'ambiente....è difficile che vi partecipino persone che non leggono.



- Ti fideresti a lasciare un mercato largamente preferito come quello delle grandi CE per buttarti in uno più di nicchia come CE piccole o autori self?


G - non bado alle case editrici, se un libro mi sembra valido lo leggo!

L - Non lascerei mai del tutto le grandi CE perché così dovrei rinunciare a tutti i classici che le self non pubblicano...ma un equilibrio tra le grandi e le piccole mi sembra necessario.



 Cosa pensi dei self (autori auto pubblicati)? 



L - Mi piace leggere autori nuovi, autopubblicati, però spesso, anzi, quasi sempre sono rimasta delusa.




- Cosa si potrebbe fare per avvicinare dei non lettori alla lettura? Soprattutto da bambini.


G - Continuare ad offrirgliene finché non trovano quello giusto

L - Secondo me un non lettore adulto è "irrecuperabile" quindi bisognerebbe che ci fosse più propaganda letteraria per bambini. Secondo me bisognerebbe portarli spesso in biblioteca e circondarli di libri, senza però forzarli, perché così si otterrebbe l'effetto contrario.



- Quando devi scegliere un libro vai a cercare le recensioni altrui? Pensi che siano utili?


G - quasi mai, sono molto influenzabile e non vorrei avere pregiudizi

L - Sinceramente si, poi è capace che faccio di testa mia lo stesso, però è interessare sapere cosa ne pensano gli altri.



- Ti informi sugli autori che leggi? Ti interesserebbe leggere loro interviste?


G - solo su quelli che mi piacciono particolarmente

L - Si, molto, spesso capire il background in cui è vissuto lo scrittore fa capire meglio il libro.



- Che cosa ti attira in un libro? 




G - Trama in primis e poi l'originalità

L - Mah, un po' tutto: copertina (ovviamente), titolo, trama, carta, formato del libro...




Cosa in due libri dello stesso genere ti fa propendere per uno dei due?


G - Come l'autore riesce a reinventarlo aggiungendo del suo

L - L'autore, la copertina, le recensioni..




- Quando scegli un libro a cosa dai importanza? Alla copertina, alla quarta...? Quanto dai peso a questi elementi?


G - moltissima! La copertina è la prima cosa che colpisce e poi la trama deve essere bene esposta

L - Dò molto peso a questi elementi, specialmente alla copertina....lo so sono incorreggibile.



- Quando compri un libro ti fa timore comprarlo su internet a scatola chiusa? (Parlo di editori e libri che non hanno la possibilità di fare l'anteprima come amazon)


G - No

L - Un po' sì, ma alla fine la cosa importante è la trama e le recensioni altrui...



- Cosa pensi del bookcrossing?


G - 
non l'ho mai usato quindi non saprei


L - È un'iniziativa molto interessante, vorrei fosse più diffusa in Italia...




L'intervista è finita, cosa ne pensate cari lettori?
Volete partecipare anche voi? Scriveteci! 

Nessun commento:

Posta un commento