giovedì 21 maggio 2015

Il Re dei Ladri - Cornelia Funke

Buongiorno a tutti!
Come va?
Mi ri-scuso per il lasso di tempo in cui non ho aggiornato il blog, ma come sapete sono uno studente e si avvicina il periodo degli esami... ma finalmente torno con una recensione!

Si tratta de:


Il Re dei Ladri

Di Cornelia Funke






un libro che definirei di genere fantastico.


Cornelia Funke

è una scrittrice tedesca nata nel 1958. Ha studiato pedagogia e, una volta laureata, ha lavorato per un paio di anni con bambini socialmente svantaggiati.
Tra la fine degli anni '80 e gli anni '90 si impose in Germania con due serie per bambini. Ottenne grande successo con i libri Il cavaliere dei draghi (1996), ed Il re dei ladri (2000, tradotto in italiano nel 2004). Tuttavia, il romanzo che le ha aperto le porte del successo è stato Cuore 'inchiostro, che ha vinto il premio BookSense Book of the Year Children's Literature nel 2003. Cuore d'inchiostro è il primo volume di una trilogia che continua con Veleno d'inchiostro, anche questo vincitore del premio BookSense Book of the Year Children's Literature, e Alba d'inchiostro.
I suoi libri hanno ottenuto un tale successo che nel 2005 il Time l'ha inserita nella classifica dei "100 artisti più influenti del mondo", definendola “la J.K. Rowling tedesca”.





Trama:

Prosper e Bo sono due giovani orfani in fuga da due zii che vogliono solo Bo, poiché piccolo e dai lineamenti angelici. Per questo da Amburgo, dove abitavano, sono fuggiti fino a arrivare a Venezia, città protagonista dei bellissimi racconti della madre.
Qui i due si aggregano a un gruppo di ragazzini orfani come loro. Troviamo Riccio e la sua passione per il furto, Mosca che vorrebbe fare il gondoliere, Vespa la lettrice e il Re dei Ladri, il capo che ha offerto loro riparo e che grazie ai suoi furti li mantiene.
A Venezia c'è anche Victor Getz, un investigatore privato contattato dagli Heartlieb (gli zii di Prosper e Bo) con lo strano incarico di trovare Bo e solo Bo, perché tanto se Prosper muore a loro va più che bene.
Con questo intreccio molto semplice la Funke riesce a farci scivolare lungo le calle veneziane e farci vivere una storia di inseguimenti e segreti, di liti e perdoni.


Ambientazione:
La nostra Venezia. Cosa c'è in più da aggiungere?
La storia si dipana per tutti i vicoli e le calle veneziane fino a arrivare nella laguna alla cosiddetta “Isola Proibita”, luogo di storie dell'orrore.



Stile:

Terza persona al passato, narratore esterno.
Tutti i personaggi sono costruiti bene e utilizzano un linguaggio appropriato, i dialoghi sono sviluppati bene e sono pertinenti al contesto e ai personaggi.


Conclusione:

Un libro bello, adatto a tutte le età, ma apprezzabile soprattutto da bambini.
Valori quali amicizia e onestà vengono messi in risalto soprattutto nei rapporti tra i personaggi più giovani, e per questo è un libro che può lasciare molto soprattutto a questi ultimi.


Inoltre è scritto bene, la storia è piacevole e le vicende scorrono veloci e senza intoppi, portando il lettore a leggere questo romanzo tutto d'un fiato.



Alla prossima recensione, spero di non metterci troppo =P 

Aratak

Nessun commento:

Posta un commento