sabato 19 aprile 2014

La Guerra di Hendel - Martina Cilento

Buongiorno a tutti, sono contento, sono arrivato finalmente a scrivere la mia prima recensione di un libro di una esordiente.

Libro senza il quale non avrei mai scritto recensioni di esordienti o addirittura creato il blog.
Perché? mi chiederete. E' così straordinariamente bello da dover aprire un blog per questo? Questo lo spiegherò dopo, perché la risposta è: forse si, forse no; di certo è quello che mi ha aperto gli occhi davanti alla triste situazione in cui versano gli esordienti italiani.

Prima un poco di storia: l'anno scorso, proprio in questo periodo ovvero a Pasqua e Pasquetta sono stato al Belgioioso Fantasy (che non si terrà più) ed ho trovato ciò che vedete in questa foto, ma senza l'autrice.
<--- Che dire... Ho visto un articolo che parlava di una scrittrice giovane (aveva appena compiuto 18 anni) di fantasy ed ho rizzato le orecchie.
Purtroppo dovevo scappare ma mi sono mandato a memoria il nome di questa giovane scrittrice: Martina Cilento.
Arrivato a casa ho provato a fare una ricerca su facebook ed ho scoperto che aveva una pagina a cui ho messo "mi piace" e da cui ho scoperto che sarebbe andata al Soncino Fantasy
(tenuto il 25 Aprile) dove, dopo code chilometriche in autostrada, con eventuale spinta a mano della macchina da parte dei miei due amici (abbastanza scemi, uno in kilt ed uno vestito da spadaccino) per la lentezza della coda e quindi per assaporare un poco di divertimento crogiolandosi nel mio imbarazzo, finalmente ho potuto incontrare di persona questa giovane e piccola scrittrice. (Come potete vedere neanch'io sono molto normale =P)



Il libro in questione è la prima opera (al
momento ne ha pubblicata un'altra, che recensirò in seguito, e mi sembra che stia lavorando su un altro romanzo) di Martina:

La chiave di Anderain.




Innanzitutto per apprezzare al meglio il libro bisogna tener conto di un paio di cose: è rivolto soprattutto ad un pubblico abbastanza giovane (direi elementari-medie) e che l'autrice stessa era molto giovane quando l'ha scritto.
L'ha scritto infatti a 14 anni, tenendolo da parte non ritenendo fosse un'opera da pubblicare.
Dopo ben 4 anni di sforzi i suoi genitori (che vista la strada che sta intraprendendo ringrazio molto da parte dei lettori di Fantasy) sono riusciti a convincerla a pubblicarlo.
Dopo una revisione ha pubblicato questo libro.
Com'è? La risposta di prima: forse si, forse no, è dovuta al mindset con il quale uno lo legge. E soprattutto all'età in cui uno lo legge, è molto apprezzato dai bambini e ragazzini, mentre i più grandi ovviamente troveranno la trama abbastanza semplice e alcune trovate molto classiche.

Trama:

Erin è la Prescelta che tramite il Sigillo, un potente artefatto creato dalla madre degli dei, Eneylon, deve sconfiggere il Dio oscuro Shintar.
Per farlo il Sigillo deve essere caricato dalla potenza degli Dei, uno per ogni elemento: Terra, Aria, Acqua, Fuoco ed Energia e per farlo la Prescelta dovrà attraversare tutte le terre, una per elemento, abitate dal popolo più affine al Dio dell'elemento: Nani, Fate, Ninfe, Uomini ed Elfi.
Nel cammino, che è ovviamente un cammino di crescita interiore, incontrerà e stringerà alleanze con i vari rappresentanti dei popoli e scoprirà che il Grande Infinito, una parte del mondo divisa da Hendel da una barriera, è abitato al contrario di quanti tutti ritenevano.
La sua missione è ostacolata da numerose battaglie e sfide, riuscirà a sconfiggere un Dio?

Come noterete dal breve riassunto la storia è abbastanza un cliché: una quest da svolgere , un artefatto potente necessario ed una serie di avventure e battaglie da affrontare per arrivare al compimento del destino della Prescelta.

Ambientazione:
La storia è ambientata in un mondo fantastico di invenzione dell'autrice, Hendel per l'appunto, di cui si narra pure la creazione in un prologo. Il mondo è diviso in 5 terre principali ognuna dedicata ad un Dio differente ed una sesta dove in teoria dovrebbero abitare gli Dei.

Stile:
Notevole è la capacità della scrittrice di coinvolgerti nella storia, facendoti entrare nel mondo da lei creato.
Notevole inoltre la grammatica e la sintassi che uno non si aspetterebbe da una ragazzina di quattordici anni.

Unica nota che denota la gioventù e la scarsa conoscenza (ma non credo in molti ne saprebbero molto più di lei) sono le 2000 miglia marittime percorse in 6 giorni. Per una persona che non ne sa nulla: un veliero (come quello che descriveva lei) fa massimo 10 miglia orarie. Ma il massimo lo si ottiene nelle tempeste e nelle situazioni di vento molto forte, in più di notte (diciamo una decina di ore al giorno) i venti si calmano così che se si raggiungono le 4-5 miglia orarie è tanto. 1140 miglia in sei giorni andando al massimo. Ma chi saprebbe queste cose? Io le so per passione o, meglio, rottura di scatole personale...

Voglio sottolineare una caratteristica di questa giovane scrittrice: NON usa capitoli. Il libro è diviso in 5 parti più due prologhi ed un epilogo.
Questo stile particolare porta il lettore a non volersi fermare mai inoltre essendo il libro abbastanza corto, 200 pagine, si può finire davvero velocemente.

Personaggi:
I personaggi hanno tutti una loro storia ben definita e raccontata nel libro. Alcuni hanno passati oscuri, altri brillanti, tutti hanno una storia alle loro spalle.
I caratteri sono ben definiti, forse troppo definiti a volte, i protagonisti evolvono (tratto che trovo molto importante in un libro, qualsiasi libro) durante il libro anche se a volte è un'evoluzione a balzelli.
Molto caratteristici sono gli "Equilibri Psicologici" se vogliamo delle "coscienze" possedute dagli elfi che li aiutano a "mantenere l'armonia fra desiderio e realtà", ovvero impediscono ai possessori di fantasticare troppo. Loro sono alcune delle scene "divertenti"... Non voglio spoilerare ma vedrete... Eheheheh...

Erin: protagonista di questa storia ha "bellissimi e profondi occhi color ambra" e lunghi capelli dorati. E' un'elfa, adottata da un nano del regno della terra.
Il suo desiderio più grande è di diventare un Cavaliere Ombra, uno dei protettori di Hendel.
E' la prescelta ed ha un marchio argenteo sulla mano sinistra chiamato Segno.

Orazio: Il suo Equilibrio Psicologico

Sildan: Elfo nato lo stesso giorno di Erin, allievo assieme a lei presso Narian. E' forte ed energico dai capelli corvini e gli occhi di un intenso color erba bagnata.
Anche lui desidera diventare un'Ombra, ma questo non è tutto ciò che si nasconde dietro i suoi occhi...

Narian: Maga multiforme, è l'insegnante di Erin e Sildan inoltre è rispettata e conosciuta in tutta Hendel.

York Dan' York: Personaggio terziario... O forse anche quaternario, ovvero non fa nulla, ma mi piace questa figura: è un troll, nonché bidello di un'accademia. L'ho trovato un accostamento... Inusuale.

Yuven: Ombra rinnegata per omicidio, porterà un consistente aiuto alla Prescelta.

Linda: Bellissima ninfa erede al trono dell'Acqua.

Manno: Il cattivo per eccellenza: grande grosso brutto e cattivo. Appartiene ai Silqua, un popolo creato dal fumo dal Dio Oscuro, è un ottimo combattente nonché capitano delle Truppe Oscure.

Balten: Elfo molto alto dalla bellissima voce e dagli occhi verdi cangianti (come i miei!) che diventano neri quando arrabbiato (no questo no).

Brilliance: Fata principessa dell'aria.

Blaze: Uomo maledetto alla nascita con la forza di 5 uomini (provate voi a giocare a "ce l'hai" con lui... Vi scaravolta dal lato opposto del giardino) dai capelli ed occhi rossi, è il principe ereditario della terra del Fuoco e riesce a distinguere il vero Segno.


Non è solo questo il libro. Seppur giovane la scrittrice ha voluto incominciare ad inserire una morale nella sua storia: la Prescelta segue il percorso stabilito già da tempo per lei ma ci sono vari punti dove la protagonista si interroga e si chiede il perché dovrebbe farlo e per chi. Ed ogni volta va avanti, non solo perché è il suo "dovere e destino" ma perché è una scelta, la scelta tra il bene ed il male, tra ciò che sarebbe facile fare (ritirarsi a vita privata e sbattersene) e ciò che invece è giusto fare.

Si notano inoltre diversi spunti presi dalla cultura greca: una delle città che descrive ha le caratteristiche delle tre fasi (Dorico, Ionico e Corinzio) dell'architettura greca, il politeismo presente nel romanzo richiama quello greco (anche se qui abbiamo a che fare con la Madre degli dei e non con il "padre") infine troviamo una correlazione tra i 5 elementi presenti nel romanzo ed i 4 +1 della filosofia presocratica.

Inoltre, come uno potrà apprezzare ben di più in "la Chiave di Anderain", incominciano a trasparire le idee politiche della scrittrice: "Non le era mai piaciuto il fatto che solo membri appartenenti a certe famiglie avessero dei privilegi." Sono solo indizi fra le pagine, lievi sfumature ed accenti dati ai pensieri dei protagonisti che però, se uno è attento, riesce a cogliere.
Infine abbiamo la preponderante presenza femminile tra i protagonisti, tratto caratteristico (lo si nota solo dal secondo libro ovviamente, quindi fidatevi per il momento) dell'autrice, non solo ma la loro caratterizzazione ed evoluzione è nettamente sviluppata meglio e messa in evidenza ED in buona luce... (Una sola parola... Femminista!)

Concludendo:

Questo breve romanzo DEVE essere letto in età giovane per essere apprezzato, di certo sarà più apprezzato dalle ragazzine: ci sono storie d'amore e le scene di battaglia non sono bene sviluppate quanto in un fantasy classico.
Per la sua semplicità e per la sua chiarezza lo annovererei tra i fantasy per ragazzi di grande potenziale, ovviamente non lo paragono ai capolavori della Funke, ma guardando le librerie di camera mia sono rari i libri fantasy per giovani che vi trovo, senza scadere nei libri per i Molto piccoli come quelli del battello a vapore.
E' una risorsa per chi vuole fare un regalo ad un figlio, nipote o bambino piccolo.




Aratak

2 commenti:

  1. Dimmi dove posso comprarlo e lo farò.
    Mai ci fu una recensione più convincente =)

    RispondiElimina
  2. Ahahah! In tutti gli store online!
    O direttamente dall'autrice! =P
    Ma a te consiglio di più la Chiave di Anderain che la Guerra =D

    RispondiElimina